Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. È possibile approfondire come usiamo i Cookie sulla nostra pagina dedicata (la pagina è ospitata su progettospartaco.it) e su come disinibire l'utilizzo dei cookie attraverso il browser.Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Il predicato verbale

È un predicato verbale ogni volta che si incontra un verbo attivo, passivo o riflessivo, dotato di senso compiuto.

Il predicato verbale è formato da un verbo il cui significato  non ha bisogno di essere completato da un  nome o da un aggettivo riferito al soggetto della frase.

 


Spiegazione grammaticale

Il predicato verbale

 

E' predicato  verbale ogni forma verbale (attiva, passiva, riflessiva) fornita di senso compiuto:

il treno fischia. 
verbo attivo

il treno e' guidato.
verbo passivo

il treno si ferma.
  verbo riflessivo

 

Il predicato verbale e’ formato da un verbo predicativo.

  • Si chiamano  predicativi quei verbi che sono in grado di predicare anche da soli qualcosa sul soggetto, (diversamente dai verbi  copulativi  che di per sé  non hanno un significato compiuto.)

La luce tremava in lontanaza.

Quando tornerai dal Messico?

La prossima volta non ti crederò più!

Sono esempi di frasi i cui predicati sono costituiti dai  verbi: tremare, tornare, credere , sono verbi in grado di predicare da soli, senza aiuti di sorta.

 

Concordanza del predicato con il soggetto.

In una frase soggetto e predicato concordano sempre nella persona, nel genere e nel numero.

Una frase costruita correttamente deve sempre rispettare questa regola.

In presenza di un predicato verbale possono esserci i seguenti casi:

  • Se si tratta di un tempo semplice il verbo concorda con il soggetto nella persona e nel numero:

Il gatto miagola.

I gatti miagolano.

Tu parti.

Voi partite.

  • Se si tratta di un tempo composto con l’ausiliare essere, il participio concorda con il soggetto nel numero e nel genere:

 

Anna è partita.

Paolo è partito.

Matteo e Carlo sono partiti.

Anna e Maria sono partite.

 

  • Se si tratta di un tempo composto con l’ausiliare avere, e il verbo è intransitivo, oppure è un verbo usato in valore assoluto ( cioè senza complemento oggetto), il participio resta invariato:

Paolo ha corso.

Claudia ha corso.

Paolo e Carlo hanno corso.

Il cavallo ha mangiato.

I cavalli hanno mangiato.


 

  • Se si tratta di un verbo composto di verbo transitivo attivo, il participio passato rimane invariato:

Il fuoco ha bruciato gli alberi

Le fiamme hanno bruciato gli alberi.

  • Talvolta il participio viene concordato con il complemento oggetto, sopratutto se lo segue:

Gli alberi che il fuoco a bruciato sono in collina.

 

  • La concordanza con il complemento oggetto avviene sempre quando esso è formato da una particella pronominale:

Le ho conosciute da Carla.

Li ho visti ieri.

L’ho persa nella confusione.

L’abbiamo incontrato al cinema.

  • Se si tratta di un tempo composto di verbo riflessivo apparente, il participio può concordare sia con il soggetto sia con il complemento oggetto:

Ci siamo comperati una barca.

Ci siamo comperata una barca.

  • Quando il soggetto è un nome collettivo il predicato va al singolare, più raramente al plurale:

Una parte delle bambine  è uscita.

Una parte delle bambine sono uscite.

In questo ultimo esempiosi parla di concordanza o costruzione a senso.


 

  • I verbi servili potere, dovere e volere e i verbi aspettuali ( o fraseologici ) come stare per, smettere di, cominciare a, costituiscono con il verbo da essi retto un’unica unita’ logico -sintattica; questa unita’ viene quindi analizzata come un solo predicato:

Il bambino (soggetto) vuole mangiare (predicato verbale).

Mariolino (soggetto) smise di piangere (predicato verbale).

 

Il verbo essere, oltre che avere valore di copula ed essere utilizzato come ausiliare, può anche comportarsi come un normale verbo predicativo, e quindi formare un predicato verbale, quando significa esistere,stare, trovarsi, appartenere:

Tuo fratello e’ (si trova) in città.

In questo momento sono (mi trovo) all’estero.

La responsabilità è di entrambi (appartiene ad entrambi ).





Esercizi di italiano su il predicato verbale




Forum

In questa parte del sito puoi chiedere alla community e ai nostri insegnanti dubbi e perplessità trovati affrontando solo questa pagina. Se hai un dubbio diverso crea un nuovo 'topic' con il pulsante 'Fai una nuova domanda'.

Registrati per poter usare il forum di lagrammaticaitaliana.it. Prova, è gratis!

Lascia, per primo, un commento o domanda per la lezione di grammatica di inglese...





lagrammaticaitaliana.it fa parte di progettospartaco.it Questo progetto vorrebbe ambiziosamente librarare la cultura e trasformare i vecchi contenuti stampati in nuovo materiale fruibile in modo "2.0". Progettospartaco.it raccoglie metaforicamente sotto il suo ombrello tutti quei siti che sposano il suo pensiero: "cultura libera per tutti"


0 0 0