Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. È possibile approfondire come usiamo i Cookie sulla nostra pagina dedicata (la pagina è ospitata su progettospartaco.it) e su come disinibire l'utilizzo dei cookie attraverso il browser.Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

subordinate interrogative indirette

La proposizione subordinata interrogativa indiretta esprime una domanda, un interrogativo, o un dubbio in forma indiretta, cioè ponendo la domanda, l'interrogativo o il dubbio in dipendenza da un'altra proposizione . Domandò quanto costasse. Chiede chi è stato. Ignorava quale sarebbe stato il suo autobus. Di questi periodi possiamo dire che: A) le principali contengono un verbo che esprime domanda, curiosità incertezza; B) le subordinate esprimono discorsi che sono riportati in un certo modo; la frase pronunciata ( con le virgolette ) è sparita ed è stata sostituita da una dipendente. Infatti: domandò “ quanto costa “ è diventata: Domandò quanto costasse. Quando riportiamo tra le virgolette il testo di un dialogo, di una discussione, riproducendolo fedelmente, usiamo un tipo di esposizione che prende il nome di discorso diretto. Quando invece, come negli esempi, non riproduce fedelmente le parole, ma raccontiamo ciò che è stato detto, usiamo un tipo di esposizione che si chiama discorso indiretto. Le interrogative indirette, sono sempre introdotte da un verbo come: NON SO, DUBITO, IGNORO, CHIEDO, CERCO DI SAPERE,DOMANDO . Saranno allora quelle frasi che riportano una domanda utilizzando la modalità del discorso indiretto ( dal latino rogare = domandare ). Esse sono introdotte dallo stesso elemento che introduce l'interrogativo nelle forma diretta: CHI, CHE, QUALE,QUANTO, QUANDO, PERCHÈ, DOVE, COME, SE. Il passaggio dall'interrogativa diretta a quella indiretta può porre qualche problema. Prima di tutto occorre capire che nel passaggio dal discorso diretto a quello indiretto si devono sempre rispettare le relazioni temporali di contemporaneità, anteriorità, posteriorità. Può quindi capitare che il verbo dell'interrogativa diretta muti come in questi esempi: Domandava: “ Piove? “ diventa Domandava se pioveva. Domandava: “Pioverà ? “ diventa: Domandava se sarebbe piovuto.

Spiegazione grammaticale

 

Subordinate interrogative indirette

 

 

Si dicono subordinate interrogative indirette le proposizioni che esprimono una domanda in forma indiretta. Esse dipendono da verbi di valore interrogativo (domandare, chiedere, dire, narrare, ecc.).

La proposizione interrogativa indiretta è sempre di forma esplicita.

 Dimmi chi  hai incontrato oggi.

 Ti chiedo che cosa vuoi.

 Mi domandò quale fosse la mia intenzione.

 Voglio sapere perché hai fatto tardi.

Dimmi se questo quadro ti piace.

 Carla chiese al vigile se a quell'ora in centro fosse vietata la circolazione.

Esplicita di nesso logico : chi?, che cosa?, quale?, dove?, perché?, se

verbo di modo: indicativo, congiuntivo, condizionale.

Simile alle interrogative indirette sono le subordinate dubitative, rette da verbi ( es dubitare) o da espressioni verbali ( essere incerto) che esprimono dubbio o incertezza.

 Non so a chi rivolgimi.

Sono in dubbio se partire o rimanere.

A differenza delle interrogativa indirette, le dubitative si esprimono frequentemente in forma implicita, come nei due esempi precedenti.





Esercizi di italiano su subordinate interrogative indirette




Forum

In questa parte del sito puoi chiedere alla community e ai nostri insegnanti dubbi e perplessità trovati affrontando solo questa pagina. Se hai un dubbio diverso crea un nuovo 'topic' con il pulsante 'Fai una nuova domanda'.

Registrati per poter usare il forum di lagrammaticaitaliana.it. Prova, è gratis!

Lascia, per primo, un commento o domanda per la lezione di grammatica di inglese...





lagrammaticaitaliana.it fa parte di progettospartaco.it Questo progetto vorrebbe ambiziosamente librarare la cultura e trasformare i vecchi contenuti stampati in nuovo materiale fruibile in modo "2.0". Progettospartaco.it raccoglie metaforicamente sotto il suo ombrello tutti quei siti che sposano il suo pensiero: "cultura libera per tutti"


0 0 0