Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. È possibile approfondire come usiamo i Cookie sulla nostra pagina dedicata (la pagina è ospitata su progettospartaco.it) e su come disinibire l'utilizzo dei cookie attraverso il browser.Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

subordinate causali

Consideriamo il periodo: L imputato fu assolto, non aveva commesso il reato. In questo noi sappiamo riconoscere non solo due proposizioni coordinate, ma anche l'esistenza di un legame logico tra la prima e la seconda, infatti avvertiamo che il primo fatto è la conseguenza del secondo. Possiamo allora esprimere questo nesso logico dicendo: L'imputato fu assolto perché non aveva commesso il reato. Così facendo abbiamo cambiato la struttura del periodo che ora risulta compoto da una principale ( L'imputato fu assolto ) e da una subordinata ( perché non aveva commesso il reato) , che esprime la RAGIONE, la CAUSA, il MOTIVO di ciò che è affermato nella principale. Le subordinate come queste vengono chiamate CAUSALI.

Spiegazione grammaticale

Subordinate causali

 

Risultati immagini per causa effetto

 

Le frasi casuali sono quelle che indicano il motivo di ciò che è espresso dalla reggente:

 

Non ti richiamai perché ero molto arrabbiato.

Non ti richiamai essendo molto arrabbiato.


La causale è una subordinata complementare indiretta che indica la causa, il motivo di quanto è espresso dal predicato della frase reggente.

Nella forma esplicita la causale è introdotta da congiunzioni subordinative come poiché, giacché, perché, siccome e da locuzioni congiuntive come dato che, dal momento che, in quanto che, e al il verbo prevalentemente al modo indicativo:

L'imputato fu assolto perché non aveva commesso il reato.

Dato che sei sola, vieni a cena da me.

Nella forma implicita ha il verbo al gerundio, al participio passato e all'infinito, introdotte da preposizioni come di, per, a:

Essendo lui  un appassionato di vela, va spesso al mare.

Spaventato dal rumore, il ladro fuggi di gran carriera.

Sono soddisfatta di aver scritto.

Per essere stato troppo impulsivo, adesso ti trovi in difficoltà.

Sei fortunato ad avere un amico così!

 

La frase subordinata causale ha, nel periodo, la funzione svolta nell'analisi della frase, dal complemento di causa:

Non vengo perché ho paura. (= per la paura, complemento di causa).

Da notare che le frasi rette da verbi come stupirsi, dolersi, rallegrarsi, meravigliarsi, possono essere sia causali, sia soggettive. Sono causali quando quando si mette in evidenza la causa del sentimento (mi rallegro che tu fai ciò = perché tu fai ciò). Sono soggettive quando si mette in evidenza il sentimento espresso dal verbo ( mi rallegro che tu faccia ciò).

 





Esercizi di italiano su subordinate causali




Forum

In questa parte del sito puoi chiedere alla community e ai nostri insegnanti dubbi e perplessità trovati affrontando solo questa pagina. Se hai un dubbio diverso crea un nuovo 'topic' con il pulsante 'Fai una nuova domanda'.

Registrati per poter usare il forum di lagrammaticaitaliana.it. Prova, è gratis!

Lascia, per primo, un commento o domanda per la lezione di grammatica di inglese...





lagrammaticaitaliana.it fa parte di progettospartaco.it Questo progetto vorrebbe ambiziosamente librarare la cultura e trasformare i vecchi contenuti stampati in nuovo materiale fruibile in modo "2.0". Progettospartaco.it raccoglie metaforicamente sotto il suo ombrello tutti quei siti che sposano il suo pensiero: "cultura libera per tutti"


0 0 0