🎉 Hooray! Sono disponibili lezioni di italiano a solo 10 €/h! Scopri di più»

 0 Points 


l'avverbio

L'avverbio ha la funzione di modificare il significato di altre parti del discorso, precisandolo meglio e qualificandolo: Il fiume scorre LENTAMENTE, La mia vicina è TROPPO curiosa. Le parti che l'avverbio modifica sono: il verbo, l'aggettivo, il nome, un altro avverbio, una frase intera. Gli avverbi si dividono in: semplici, composti e derivati; in più ci sono le locuzioni avverbiali. Gli avverbi in base al loro significato si dividono in: avverbi di MODO , - di LUOGO, - di TEMPO, - di GIUDIZIO, - di QUANTITÀ , - INTERROGATIVI , - FRASALI ( o testuali ). Molti avverbi hanno il grado COMPARATIVO, e SUPERLATIVO ( come gli aggettivi ).



L'avverbio 

avverbio


Gli AVVERBI sono parti invariabili, cioè non si accordano per genere e numero con le altre parole della frase,  e servono ad a modificare il significato di un verbo, di un aggettivo e di un'intera frase.

un verbo: Adesso piove.

 Sto male.

un altro avverbio: Sto molto male.

un aggettivo : Ho un cane assai bello

l’intera frase:Riccardo suona il violino bene, invece suona la chitarra male.

Secondo la funzione che compiono, gli avverbi sono divisi in:

 

AVVERBI DI MODO

bene, male, come, adagio, gentilmente, piano, poveramente, velocemente...

1) Molti avverbi di MODO derivano da aggettivi ai quali si aggiunge la desinenza -mente.

 Lenta + mente = lentamente,  breve +  mente = brevemente

Indicano il modo in cui avviene un’azione e rispondono alla domanda COME?

Camminano LENTAMENTE.

 2) specificano il modo in cui si svolge l’azione e rispondono alla domanda COME ? IN QUALE MODO ?

 in -mente: brevemente, comodamente, gentilmente ecc.

in -oni:

 cavalcioni, carponi, bocconi, ginocchioni ecc.

quelli corrispondenti all'aggettivo qualificativo maschile:

forte, chiaro, tranquillo, sodo ecc.

parla forte, scrivi chiaro, lavora sodo

 bene, male, cosi, volentieri, insieme ecc.

Tutti hanno applaudito CALOROSAMENTE. (con calore )

Parla LENTAMENTE! (im modo lento, piano)

 

AVVERBI DI LUOGO: 

qui, qua, quaggiù, lì, là, fuori, sopra, vicino, lontano, laggiù, lassù, dove...

Indicano il luogo in cui avviene un’azione e rispondono alla domanda DOVE?

Noi abitiamo LAGGIÙ

I più comuni sono:

qui: Sono QUI. (senza accento)

qua: Vieni QUA. (senza accento)

quaggiù:QUAGGIÙ è buio.

quassù:QUASSÙ nevica spesso.

là:li raggiungeremo

laggiù:Carla vive LAGGIÙ

lì: Qui piove: e da voi?

vicino: Mi venne VICINO e mi baciò.

lontano: Luca abita LONTANO.

accanto: Il gatto è ACCANTO

.

fuori: Il pallone è FUORI.

dentro: I sassi sono DENTRO.

dietro: State DIETRO: non si può passare.

davanti: La sedia è DAVANTI.

intorno:I lupio erano INTORNO.

sopra: La mia stanza è qui SOPRA.

via: Marco è già andato VIA?

dappertutto: Mi segue DAPPERTUTTO.

dovunque, ovunque: Ti seguirò OVUNQUE.

 

AVVERBI DI TEMPO:

adesso. ora, ieri, oggi, domani, prima, dopo, poi, allora,sempre, presto, spesso...

Indicano il tempo in cui avviene un’azione e rispondono alla domanda quando?

ADESSO non posso rispondere: ci sentiamo DOPO

Avverbi di tempo rispondono alla domanda QUANDO?

ADESSO non posso uscire: ci vediamo DOMANI.

I più comuni sono:

ora: È uscito proprio ORA.

ORA (adesso) non posso uscire.

adesso:ADESSO dovete stare molto attenti.

ormai: Le vacanze sono ORMAI finite.

subito:SUBITO non posso rispondere.

prima / dopo: PRIMA dici una cosa, DOPO ne dici un'altra.

poi: POI è venuto a casa nostra".

dopo: DOPO, sono andato al ristorante.

sempre:Andavamo SEMPRE al cinema.

spesso: Lo incontro SPESSO in quel parco, laggiù in fondo alla via.

ancora: Sei ANCORA qui?

finora: FINORA sono in vantaggio.

già: Sei GIÀ andato?

mai: Non sei MAI stanco.

presto: PRESTO torneranno a casa i genitori.

tardi: PRESTO  o TARDI si farà sentire.

ieri:IERI era sabato.

oggi:OGGI piove.

domani:Luigi DOMANI partirà.

dopodomani:DOPODOMANI sarà il suo compleanno.

stamattina: STAMATTINA ha/è nevicato.

 

AVVERBI DI QUANTITA’:

quanto, poco, troppo, molto, assai, meno, niente, abbastanza, più...

Esprimono una quantità o una misura e rispondono alla domanda quanto?

abbastanza,molto, poco, tanto, quanto,...

abbastanza: Il malato non ha dormito abbastanza.

Questa ragazza studia MOLTO

  Non mi importa NULLA di quello che è successo.

Oggi il lavoro non va NIENTE bene.

Resta ANCORA un po'

Ho mangiato TROPPO.

molto: Ieri Lucia ha lavotato MOLTO.

tanto: Luisa è TANTO  simpatica QUANTO la sua amica.

meno: Avrà MENO della  tua età.

troppo:Sono TROPPO stanco!

niente: Non eravamo per NIENTE felici del matrimonio.

parecchio, Questo pacco è parecchio pesante.

assai: Era un uomo ASSAI potente.

alquanto: Dicono che sia ALQUANTO vanitoso.

quasi: Ho quasi finito di disegnare.

abbastanza: E' una donna abbastanza comprensiva.

appena: Supera appena il livello di guardia.

Era bello ed era pure intelligente.

Le locuzioni avverbiali sono:

all'incirca,di più, di meno, né più né meno, ecc.

 affermazione, negazione e dubbio: affermano, negano, mettono in dubbio quanto espresso dal verbo. Gli avverbi sono:

 si, certo, certamente, sicuro, sicuramente, davvero, appunto, proprio, indubbiamente ecc.

no, non, né, nemmeno, neanche, neppure, mai ecc.

forse, probabilmente, eventualmente, semmai, chissà, quasi, magari ecc

 interrogativi:

esprimono o introducono una domanda. Si trovano solo nelle proposizioni interrogative dirette.

Gli avverbi sono:

come?, dove?, donde?, perché?, quando?, quanto?

Le locuzioni avverbiali sono:

da dove?, da quando?, da quanto?, ecc.

 

Gli avverbi derivano in genere da aggettivi: quando gli aggettivi che terminano in -O / - A, si aggiunge il suffisso – MENTE alla forma femminile:

coraggios -A+ MENTE

onest – A+ MENTE

complet-A + MENTE

in -E se l’aggettivo ha solo questa desinenza sia per il maschile che per il femminile:

dolc- E + MENTE

brev – E + MENTE

fort- -E + MENTE

veloc – E + MENTE

Quando l’aggettivo termina con la sillaba -LE o – RE, preceduta da vocale, perde la E finale prima dell’aggiunta del suffisso:

abil (e) + MENTE

civil (e) + MENTE

Particolar (e) + MENTE

 

GRADI E ALTERAZIONI DEGLI AVVERBI

Alcuni avverbi e locuzioni avverbiali possono avere il grado comparativo e superlativo

 più chiaro /  chiarissimo, più tardi / tardissimo, più vicino / vicinissimo, più in fretta / assai in fretta)

Certi avverbi hanno forme particolari di comparativo e superlativo (come gli aggettivi corrispondenti). Essi sono:

POSITIVO COMPARATIVO DI MAGGIORANZA SUPERLATIVO ASSOLUTO
bene meglio benissimo e ottimamente
male peggio malissimo e pessimamente
molto più moltissimo
poco meno pochissimo e minimamente
grandemente maggiormente massimamente e sommamente

Alcuni avverbi e locuzioni avverbiali possono avere forme alterate:

bene - benino, benone
male - malino, maluccio, malaccio
adagio - adagino
poco - pochino, pochetto, pochettino
tardi - tardino, tarduccio
piano - pianino
presto - prestino
a caso - a casaccio

 

Prossima lezione


Esercizi su L'avverbio






Forum
Altre materie
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. È possibile approfondire come usiamo i Cookie sulla nostra pagina dedicata e su come disinibire l'utilizzo dei cookie attraverso il browser.Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.