0 Points 


 0 Points     Registrati       Login

I modi del verbo

 

Se è importante conoscere di un verbo chi fa l'azione e quando essa avviene, bisogna sapere anche in che maniera è presentata. Questa maniera è indicata dai modi del verbo.I modi dei verbi italiani sono : indicativo, congiuntivo, condizionale, imperativo, e si chiamano modi finiti, cioè ben determinati (si chiamano anche modi personali, in quanto hanno un preciso riferimento al numero e alle persone). L'infinito, il participio e il gerundio sono modi indefiniti, così chiamati perché non determinano precisamente la persona.



I verbi: le persone, la forma, l'aspetto.

 

Le persone

le persone

  Nei modi finiti, nei quali la persona e il numero sono indicati dalla desinenza, il verbo attraverso il variare delle desinenze dice a quale pronome personale o a quale persona o cosa esso si riferisce.Siccome le forme verbali sono in grado di segnalare da sole la persona, l'uso dei pronomi personali come soggetto non è obbligatorio.

Si ha la 1ª persona quando il soggetto è il pronome  io (singolare)  noi (plurale):

io parlo.

noi parliamo.

Si ha la 2ª persona quando il soggetto è il pronome tu (singolare)  e voi (plurale):

tu parli

voi parlate.

Si ha la 3ª persona quando il soggetto è il pronome egli, ella, esso, (singolare),  essi esse (plurale) oppure quando il soggetto è un nome di persona o cosa:(singolare o plurale):

egli parla

essi parlano

la mamma parla

i bambini parlano

Ci sono sei persone, tre per il singolare e tre per il plurale.

                        numero       singolare                                     numero plurale

1ª persona                      parl - o                                                           parl - iamo

2ª persona                      parl -  i                                                            parl - ate

3ª persona                      parl - a                                                            parl - ano

 

 

La forma

la forma

 

Il verbo può avere le seguenti forme: attiva, passiva, riflessiva

La forma del verbo esprime il rapporto del verbo stesso con il soggetto e con l'oggetto.

La forma attiva indica che il soggetto compie l'azione: Il gatto insegue il topo.

La forma passiva indica che il soggetto la subisce (cioè quando non è il soggetto che compie l'azione). Il topo è inseguito dal gatto.

Tutti i verbi sia transitivi che intransitivi hanno la forma attiva.

La forma riflessiva riguarda solo alcuni verbi transitivi e si ha quando soggetto e oggetto - sempre formato dalle particelle mi,ti,si,ci,vi - coincidono.

 

L'aspetto.l'aspetto

Il verbo oltre ad esprimere il modo, tempo, persone, forma esprime anche l'aspetto di un'azione o di un evento, cioè i concetti di durata, continuità,inizio, imminenza, conclusione.

Esistono verbi, detti durativi, che esprimono di per sé un'azione che si prolunga nel tempo come:

cercare, dormire,studiare e passeggiare.

Verbi chiamati momentanei, che esprimono un'azione istantanea come:

trovare, morire, cadere, scoppiare e cadere.

Verbi che indicano l'inizio di un'azione che si sviluppa progressivamente come: arrossire, invecchiare, ingiallire.

 

 

 


Esercizi su 'I modi del verbo'

Forum


lagrammaticaitaliana.it fa parte di progettospartaco.it Questo progetto vorrebbe ambiziosamente librarare la cultura e trasformare i vecchi contenuti stampati in nuovo materiale fruibile in modo "2.0". Progettospartaco.it raccoglie metaforicamente sotto il suo ombrello tutti quei siti che sposano il suo pensiero: "cultura libera per tutti"

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. È possibile approfondire come usiamo i Cookie sulla nostra pagina dedicata e su come disinibire l'utilizzo dei cookie attraverso il browser.Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.