In questa lezione:

1) Forme, uso del presente indicativo.

2) I verbi riflessivi.

3) Verbi con il presente regolare più frequenti in italiano.

Il presente indicativo

L'indicativo è il modo della realtà che si usa quando si presenta un fatto come certo, reale. Il presente indica un'azione che si svolge nel momento in cui si parla.

PARLARE

IO PARLO

SCRIVERE

TU SCRIVI

PARTIRE

LUI PARTE

 

Le  forme del presente indicativo:

  • VERBI IN -ARE:

 PARLARE

Io parl-o

Tu parl-i

Lui / Lei parl-a

Noi parl -iamo

Voi parl -ate

Loro parl-ano

  • VERBI IN  -ERE:

SCRIVERE

Io scriv-o

Tu scriv -i

Lui / Lei scriv -e

Noi scriv -iamo

Voi scriv -ete

Loro scriv -ono

  • VERBI IN IRE:

PARTIRE

Io part-o

Tu part -i

Lui / Lei part-e

Noi part- iamo

Voi part-ite

Loro part-ono

Quando si usa il presente indicativo?

Il presente indicativo si usa:

  • a) per parlare di "questo momento", cioè quando si deve esprimere qualcosa che si verifica nel momento in cui si parla. Es.:

Io (in questo momento) sono al telefono.

Luisa è malata.

Carlo dorme (in questo momento).

Paolo sta parlando.

Guardo un film molto bello.

Mangio (adesso) un panino con prosciutto e formaggio.

  • b) si usa per parlare di qualcosa che si ripete sempre in modo costante. Es.:

  Il sole sorge a oriente

Ogni giorno torno a casa alle due.

I negozi aprono alle nove e chiudono alle sette di sera.

Luigi fuma = Luigi è un fumatore

  • c) Per parlare di un evento successo nel passato (presente storico) per raccontarlo in modo attuale.

Il comandante il segnale della battaglia.

Nel film il bandito uccide tre persone.

Leonardo da Vinci nasce nel 1400.

  • d) per indicare un'azione nel futuro  a cui si vuole dare  un senso di certezza: Es.:

Domani vado al cinema.

Ho deciso, domenica vengo a pranzo da te.

Stasera parto.

Ti assicuro, che il prossimo anno mi iscrivo al corso di nuoto.
 

Regola da non dimenticare: nella lingua parlata l'uso del presente indicativo al posto del futuro è frequente e a volte abusato. Meglio perciò, usare il tempo futuro semplice, che è il tempo specifico per descrivere le azioni future.

Ho deciso, domenica verrò a pranzo.

Ti assicuro che l'anno prossimi mi iscriverò al corso di nuoto,

VERBI CON PRESENTE REGOLARE

I verbi italiani si possono classificare in tre grandi gruppi o coniugazioni, secondo la terminazione dell'infinito: verbi in -are o 1ª coniugazione: parlare; verbi in -ere o 2ª coniugazione: scrivere, verbi in -ire o 3ª coniugazione: partire. I verbi che seguono la coniugazione normale dei tre gruppi in -are, -ere, -ire, si chiamano regolari, quelli che hanno forme proprie si chiamano irregolari.

Ecco  alcuni  verbi con presente regolare più frequenti in italiano:

verbi in -ARE

abitare, amare, arrivare, aspettare, camminare, cantare, chiamare, diventare, domandare, entrare, lavorare, pensare, portare, sperare, tornare.

verbi in - ERE

accendere, chiedere, chiudere, credere, leggere, mettere, perdere, prendere, ripetere, rispondere, scrivere, vedere, vivere.

verbi in -IRE

aprire, dormire, partire, sentire

verbi in -IRE (-isco)

capire, finire, preferire.

In questa tabella puoi leggere e ascoltare alcune frasi coniugate al presente indicativo di alcuni verbi regolari

SOGGETTO

VERBO

OGGETTO
Io LEGGO  il giornale
Tu SCRIVI  un libro
Daniele (lui) CANTA una canzone
Daniela (lei) CAPISCE il cinese
Dante e Dario (loro) PRENDONO il treno
I miei vicini di casa (loro) ASPETTANO una risposta
Tu e Franco (voi) PARTITE adesso
Federica (lei) TORNA oggi
Gianni e Pino (loro) BEVONO una birra.

Prossima lezione

Esercizi su 'Il presente indicativo'



Tutte le lezioni

Lezioni online

Hai un compito e vuoi una mano nel prepararti al meglio? Scopri come ripassare con i nostri insegnanti

Lezioni su Skype  

Statistiche
imagealt

Nel pannello ogni utente può con facilità controllare tutti i punti che hai ottienuto negli gli esercizi.

Ogni grafico riesce a mostrarti cosa ancora devi fare ma anche quanto già hai fatto!

Vai alla mia dashboard  

Forum
Altre materie