Proprio quando i filologi più preparati stavano per dichiararsi sconfitti, un ragazzo di dodici anni, che vide quegli strani segni, si permise di dire: un giorno li decifrerò io.



Il mistero della pietra di Rosetta

I geroglifici egizi racchiudevano da secoli un segreto che nessun studioso era ancora riuscito a decifrare. Le numerosissime iscrizioni scolpite, dipinte o scritte su papiro, restavano intraducibile, lasciando così nel mistero la civiltà dell'antico Egitto.

La scoperta di una strana lastra di basalto nero, avvenuta nel 1799, presso la città egiziana di Rosetta, propose un favoloso indovinello, la cui soluzione poteva permettere di retrocedere di 4000 anni nella storia. Sulla pietra o stele di Rosetta, apparivano incise tre scritture: in alto la geroglifica, al centro la demotica (usata nel paese dei Faraoni a partire dal VI a C.) e, in basso, la greca. Fu cosa rapida tradurre il testo greco; si trattava di un editto promulgato in onore del re Tolomeo. Ma, nonostante gli sforzi di molti studiosi, non si riusciva a trovare la soluzione dei geroglifici, di cui si sperava che il greco fosse la traduzione. Proprio quando i filologi più preparati stavano per dichiararsi sconfitti, un ragazzo di dodici anni, che vide quegli strani segni, si permise di dire: un giorno li decifrerò io.

Si chiamava Jean – Francois Champollion ed era nato nel 1790 a Fgeac, un villaggio della Francia. La frase non era tanto assurda, se si pensa che a dodici anni il piccolo conosceva già perfettamente il latino e greco.

Più tardi studiò l'arabo, il copto, il siriaco e il caldeo. A diciannove anni padroneggiava dodici lingue ed era già stato nominato professore dell' università di Grenoble. Aveva solo diciassette anni quando iniziò i suoi studi sulla stele di Rosetta.

Accertò in primo luogo l'esistenza di certe somiglianze tra i segni demotici e i geroglifici, il che dimostrava che la scrittura demotica derivava dalla geroglifica Champollion seguì l'ipotesi di uno studioso svedese, che aveva scoperto l'equivalenza di due segni uno demotico e uno geroglifico, che rappresentavano un suono. In tal modo il giovane francese si allontanò dall'opinione generale della maggioranza che esisteva una relazione assoluta tra ciascun simbolo e l'immagine rappresentata: così, il disegno di un uccello si doveva tradurre con la parola uccello; il fiore di loto con la parola loto, e così via. Champollion sosteneva, invece, che un disegno corrispondeva a una o più lettere, che, unendosi, formavano la parola. Per confermare questo contò tutte le parole del testo greco e i simboli geroglifico. Ne risultò che i simboli erano tre volte di più delle parole greche, e perciò – dato che i due testi dicevano la stessa cosa – i geroglifici erano lettere o sillabe che si raggruppavano in parola.

Ogni anno di paziente studio Champollin scopriva qualche fatto nuovo e si avvicinava sempre più alla soluzione del mistero. Così cominciò a stabilire delle corrispondenze tra parole in greco e demotico e i geroglifici. Aveva già scoperto che i geroglifici racchiusi dentro una linea ovale erano nomi propri, e tra di essi figurava quello di Tolomeo. In base a questi dati, riuscì a formare una parola che non esisteva sulla stele di Rosetta: Cleopatra. Un giorno, esaminando un obelisco egizio, vi trovò gli stessi geroglifici scritti da lui. Quando paragonò Tolomeo con Cleopatra, notò due segni identici nei due nomi: ciascuno corrispondeva a una medesima lettera ! L'enigma, un enigma appassionante, al quale Champollin aveva dovuto dedicare quindi anni d'intense ricerche, era svelato. Ora restava solo il faticoso lavoro di trovare altre equivalenze, fino a poter disporre di una tavola che gli permettesse di decifrare qualsiasi testo geroglifico. Riusci a interpretare numerosi segni, li scrisse, e infine compose anche una grammatica egizia.

Champollion morì molto giovane a soli quarantadue anni, ma lasciò un'eredità culturale d'immenso valore. Il suo metodo venne subito applicato per esaminare documenti egizi, fu possibile tradurre documenti pubblici e privati, brani di storia, testi sacri e perfino poesie bellissime di una delle più grandiose civiltà mai esistite sulla terra.



Indice blog

Lezioni online

Hai un compito e vuoi una mano nel prepararti al meglio? Scopri come ripassare con i nostri insegnanti

Lezioni su Skype  

Statistiche
imagealt

Nel pannello ogni utente può con facilità controllare tutti i punti che hai ottienuto negli gli esercizi.

Ogni grafico riesce a mostrarti cosa ancora devi fare ma anche quanto già hai fatto!

Vai alla mia dashboard  

Forum
Altre materie