Si definisce coniugazione della voce verbale la sua capacità di aggiungere elementi alla radice, per cambiare forme e indicare, oltre al significato fondamentale, la persona, il tempo il modo e altri aspetti dell'azione. Per indicare la varietà delle azioni, la voce verbale muta la sua forma nelle tre coniugazioni.

La coniugazione del verbo

Il nome, l'articolo, l'aggettivo si dice che si declinano: variano cioè passando dal singolare al plurale, dal maschile al femminile.

Più complessa la declinazione dei pronomi che cambiano la forma anche rispetto alla persona indicata e alla funzione logica.

( Io - di me a me. Tu, di te - a te, ecc).

Il verbo, poi, è tra le più variabili: esso assume diverse forme che nella loro varietà possono indicare la persona o le persone che compiono l'azione, il tempo e il modo in cui essa avviene.

Questa particolare flessione del verbo si chiama coniugazione.

Il nome, l' articolo, l' aggettivo e il pronome si declinano, e i verbi si coniugano

1. Le persone e il numero.

Il verbo può essere di numero singolare e plurale, secondo che il soggetto, espresso o sottinteso, è di numero singolare o plurale. Tra le persone del verbo, come tre sono quelle del pronome, e ciascuna di esse può essere singolare e plurale; precisamente il verbo è di:

prima persona, se ha per soggetto, espresso o sottinteso, il pronome di prima persona

"io" (singolare) "noi" (plurale);

seconda persona, se ha per soggetto, espresso o sottinteso, il pronome di seconda persona:

"tu" (singolare); "voi" (plurale);

terza persona, se ha per soggetto, espresso o sottinteso, il pronome di terza persona:

"egli", "essa" (singolare), "essi, "esse" (plurale).

2. I modi e i tempi

Hai già visto come il verbo, usando desinenze particolari, abbia la possibilità di indicare chi compia o subisca un'azione o si trovi in un determinato stato, ossia il soggetto.

Se è importante indicare il soggetto, altrettanto importante è indicare il modo in cui il soggetto compie o subisce l'azione, e il tempo in cui si considera che l'azione stessa avvenga.

 È importante  cioè sapere se l'azione avviene in un modo reale,certo,oppure subordinato a condizione, o in altri modi ancora quali ci presenta la vita di ogni giorno; oppure se avviene nel medesimo tempo in cui si parla (tempo presente), o se è già avvenuta mentre si parla (tempo passato), o se deve avvenire (tempo futuro).

Tutto questo lo troviamo indicato nel verbo dai modi e dai tempi.

Paragrafi letti

    
0%
       Salva

  Approfondimenti su: 'La coniugazione del verbo'


Statistiche

Nel pannello personale, ogni utente può facilmente tenere traccia di tutti i punti ottenuti negli esercizi. I grafici mostrano in modo chiaro le attività ancora da completare e quanto hai già realizzato!


Vai alla mia dashboard  
Forum
Altre materie