Il condizionale indica la possibilità a certe condizioni; ha due tempi: presente e passato.

Presente: Andrei volentieri in America (se ne avessi la possibilità).

Passato: Lo avrei liberato io stesso (se avessi potuto, ma non è così).

Il condizionale sostituisce spesso l'indicativo nelle forme di cortesia: invece di voglio...vorrei.

Modo condizionale

Se mi invitassero parteciperei volentieri a quella gita.

Se ci avessero ascoltati avrebbero evitato quella figuraccia.

Se hai osservato bene, i verbi evidenziati esprimono azione che potrebbe avvenire ( o sarebbe avvenuta), se, a patto che ne avvenga o ne sia avvenuta un'altra: un'azione, dunque, subordinata a condizione: e condizionale si dice appunto il loro modo.

Ha due tempi:

vorrei: presente                avrei voluto: passato

Il condizionale si usa per esprimere in forma attenuata:

a) desiderio: verrei volentieri anch'io;

b) opinione: secondo il mio parere, non avrebbe dovuto parlare così;

c) dubbio: (solo nelle interrogative): che dovrei dire? A chi mi sarei dovuto rivolgere?

Nella proposizione che esprime la condizione, quella introdotta dal se ipotetico, si deve usare sempre il congiuntivo, mai il condizionale.

Forma corretta forma incorretta
Se lo vedessi, gli parlerei. se lo vedrei, ...
Se lo volesse, riuscirebbe se lo vorrebbe, ...
Se fosse venuta, si sarebbe divertita se sarebbe venuta...

Dimmi se verresti volentieri con noi.

 In questo caso il se è interrogativo e non ipotetico. (Lo trovi nell'unità della sintassi alla lezione periodo ipotetico) 

Paragrafi letti

    
0%
       Salva

  Esercizi su: 'Modo condizionale '

  Approfondimenti su: 'Modo condizionale '

537    537    Lezione in pdf su 'Modo condizionale '
0%
 

Statistiche

Nel pannello personale, ogni utente può facilmente tenere traccia di tutti i punti ottenuti negli esercizi. I grafici mostrano in modo chiaro le attività ancora da completare e quanto hai già realizzato!


Vai alla mia dashboard  
Forum
Altre materie