L'avverbio è una parte invariabile del discorso e si mette vicino ad un verbo, un aggettivo, a un altro avverbio o a un'intera frase per precisarne o modificarne il significato. L'avverbio è invariabile in quanto non ha né genere né numero, esso può essere formato da una o più parole, quando è formato da più parole è definito locuzione avverbiale.

L'avverbio

(di modo, di luogo,di tempo, di quantità, affermazione, negazione, dubbio e gradi dell'avverbio)

Il bambino non aveva ancora visto una bestia in carne e ossa. Mauro era molto piccolo, non parlava ancora, e non riusciva a mantenersi ben saldamente in piedi...[!esempio]

Le parole evidenziate sono unite quasi sempre ad un verbo; per questa caratteristica sono chiamati avverbi, e cioè parole aggiunte al verbo, con lo scopo di modificarne, rafforzarne, indebolirne, e cioè precisarne il significato. Gli avverbi compiono nei riguardi del verbo la stessa funzione che l'aggettivo compie nei riguardi del nome.

Sicuramente leggendo il breve testo, ti sarai accorto che l'avverbio non modifica solo il significato del verbo, ma anche dell'aggettivo (molto piccolo), e ancora di un altro avverbio (ben saldamente) sempre con l'identica funzione di precisarlo.

L'avverbio è la parte invariabile del discorso che serve a modificare o determinare il significato di un verbo (parlare sommessamente), ma anche dell'aggettivo (sempre sereno) o di un altro avverbio (molto chiaramente).

Gli avverbi, secondo la particolare determinazione che esprimono, si distinguono in: avverbi modo, di maniera, di luogo, di tempo,di affermazione, di negazione, di dubbio.

AVVERBI DI MODO

Attende tranquillamente l'apertura del negozio.

Portai facilmente superare questa difficoltà.

Gli avverbi di modo sono i più numerosi, perché c'è la possibilità di derivare da ogni aggettivo l'avverbio corrispondente. Gli avverbi di modo corrispondono agli aggettivi qualificativi; indicano il modo in cui l'azione si compie; rispondono alle domande: come? in che modo? in quale maniera?

Formazione dell'avverbio:

1.Gli avverbi di modo si formano aggiungendo alla forma femminile dell'aggettivo il suffisso -mente.

 Rara -mente, stupida-mente, onesta -mente...

2.si possono formare  usando in maniera invariabile la forma maschile dell'aggettivo qualificativo:

Parlateci chiaro, Corri veloce, Avete visto giusto.

3. Gli avverbi tastoni, balzelloni,ginocchioni, bocconi (con la bocca in terra) carponi (strisciare), derivano da nomi o da verbi alla radice dei quali è stato aggiunto il suffisso -oni.

4. Le locuzioni avverbiali si usano quando non esiste uno specifico avverbio o semplicemente per rendere il discorso meno monotono. Per esempio:

Va cavallo, a piedi, all'improvviso, a bizzeffe, alla carlona, in fretta, di sicuro, di sbieco,

a poco a poco, a mano a mano, (non poco a poco, mano a mano).

AVVERBI DI LUOGO

a)

Non rimanere indietro, andate avanti.

Indicano il luogo i cui avviene l'azione e rispondono alle domande: dove? in quale modo?

I più comuni sono: qui, qua (sempre senza l'accento, ti ricordi la filastrocca? "Su qui e qua l'accento non va".) lì, là, laggiù, costì, costà, dappertutto; dove ove, donde, dovunque (si chiamano anche relativi perché hanno la funzione di congiungere una proposizione con un'altra); contro,dietro, davanti, dietro, dentro, fuori, oltre, presso, sopra, sotto (che possono essere usate anche come preposizioni).

Dovunque andai, trovai  sempre persone pronte ad aiutarmi.

Lo si vedeva dappertutto.

Il valore preciso di dovunque è in tutti i luoghi nei quali. Questo avverbio appartiene a due proposizioni; sarebbe perciò un errore considerarlo in senso assoluto. In questo caso si deve usare dappertutto, come è scritto nel secondo esempio.

b)

Ci verremmo volentieri. Vi andarono con gran piacere. La città, quando ne uscimmo, era in subbuglio.

Anche le particelle ci (ce), vi (ve) e ne possono assumere valore di avverbi di luogo. Ci e vi significano in quel luogo (ci si è più comune di  vi); ne significa da quel luogo.

Attento a non confondere ci e vi, avverbi di luogo, con ci, vi particelle pronominali o dimostrative

Esempio:

Avverbio di luogo. Ci (in quel luogo) resteremo a lungo.

Particella pronominale. Ci (a noi) annunciò il suo arrivo con una telefonata.

Particella dimostrativa. Bisognerà pensarci (a ciò)

c) Locuzioni avverbiali di luogo sono: di qua, di là,si su, di giù,per di qua, per di là, ecc.

AVVERBI DI TEMPO

Prima hai parlato tu,ora tocca a me.

Indicano circostanza di tempo e rispondono alle domande: quando? in quale tempo? I principali sono: ora, adesso, subito, prima, dopo, poi, presto, tardi, ieri, oggi, dopodomani, frequentemente, spesso, raramente,sempre, mai, settimanalmente, mensilmente.

Non siete mai attenti. Mai siete attenti.

Mai, se usato in senso negativo, se viene dopo il verbo deve essere preceduto da negazione; se lo precede è senza negazione.

Se avessi mai (per caso, o qualche volta) detto questo, non ti loderei.

Sei mai (per caso, qualche volta) stata a Firenze?

Mai può dunque essere usato anche in senso positivo, ma solamente in proposizioni condizionali e interrogative, e con il significato che ti è stato indicato negli esempi: per caso, qualche volta.

Locuzioni avverbiali di tempo sono: di buon'ora, nottetempo, una volta, un giorno, di quando in quando, ecc.

AVVERBI DI QUANTITÀ

Ho mangiato troppo. Quanto hai pagato la bicicletta?

Indicano quantità e misura e rispondono alla domanda: quanto? in quale misura?

Sono avverbi di quantità: molto, tanto, poco, meno, più, minimamente, quasi, almeno, abbastanza,ecc.

Locuzioni avverbiali di quantità: all'incirca, pressapoco, di più di meno, ecc.

AVVERBI DI AFFERMAZIONE, NEGAZIONE, DUBBIO.

Si, verrò certamente anch'io.

No, non crederò mai.

Probabilmente ci sarà concesso di uscire.

Si, certo, sicuramente, davvero, indubbiamente, sono di affermazione; no, mai, né, non, giammai, nemmeno, ecc, sono di negazione; forse, probabilmente, ecc. sono di dubbio.

L' avverbio affatto significa del tutto, interamente, quindi, per sé, ha valore positivo.

Sono affatto (in tutto e per tutto) certo di quello che dico.

Perché assuma senso negativo esige una negazione:

Non sono affatto contento di te.

Scorretto è perciò usare affatto nelle risposte invece di niente affatto.

2. Non da tutti i linguisti è accettato l'uso di meno al posto di no.

Es.:

Non so  Marco lo sapesse o meno.

Tu, per non sbagliare dirai:

Non so se Marco lo sapesse o no.

GRADI E ALTERAZIONI DELL'AVVERBIO

Io camminavo lentamente, ma tu più lentamente di me; Luca poi lentissimamente addirittura.

Gli avverbi di maniera e alcuni altri ammettono il comparativo e il superlativo. Gli avverbi che derivano da aggettivi che hanno il comparativo e il superlativo di forma irregolare formano i gradi in modo analogo:

bene meglio benissimo e ottimamente
male peggio malissimo e pessimamente
molto più moltissimo
poco meno pochissimo e minimamente
grande maggiormente massimamente e sommamente

Pochi avverbi prendono desinenze diminutive o accrescitive: bene, benino, benone; male, maluccio, malaccio, adagio, adagino; poco, pochino, pochettino.

Prossima lezione

Esercizi su 'L'avverbio'



Tutte le lezioni

Morfologia

Grammatica italiana

Unità 3
L'aggettivo qualificativo
L'aggettivo determinativo
Formazione del genere e del numero
L'accordo dell'aggettivo
Gli aggettivi sostantivati e gli aggettivi dei colori
Participi- aggettivi
I gradi dell'aggettivo
Forme alterate degli aggettivi
Aggettivi composti e derivati
Il posto dell'aggettivo qualificativo
Gli aggettivi determinativi (o indicativi)
Aggettivi possessivi
Possessivo "altrui" e "proprio"
L'aggettivo possessivo e l'uso dell'articolo
Il posto dell'aggettivo possessivo
Quando non si usa l'aggettivo possessivo
Gli aggettivi dimostrativi
Gli aggettivi indefiniti
Gli aggettivi interrogativi
Gli aggettivi numerali
L'analisi grammaticale dell'aggettivo

Unità 4
Il verbo
Verbi predicativi, copulativi, servili
Verbi transitivi e intransitivi
Forma attiva e forma passiva
Forma riflessiva
La coniugazione del verbo
Modo indicativo
Modo congiuntivo
Modo condizionale
Modo imperativo
I modi indefiniti
Le tre coniugazioni
I verbi ausiliari
Le coniugazioni regolari
Particolari coniugazioni
Coniugazione del verbo intransitivo
Coniugazione di forma passiva e riflessiva
Verbi impersonali
Verbi difettivi e verbi sovrabbondanti
Verbi servili, causativi, e aspettuali
Analisi grammaticale dei verbi

Unità 5
L'avverbio
L'analisi grammaticale dell'avverbio

Unità 6
La preposizione
L'analisi grammaticale delle preposizioni

Unità 7
La congiunzione
L'analisi grammaticale della congiunzione

Unità 8
L'interiezione, analisi grammaticale dell'interiezione

Unità 10
Il nome
Il genere dei nomi (maschile/femminile)
La formazione del femminile
Il numero del nome - singolare /plurale
I nomi difettivi e sovrabbondanti
Analisi grammaticale del nome

Unità 12
L'articolo
L'articolo determinativo
L'articolo indeterminativo
L'articolo partitivo
Analisi grammaticale dell'articolo

Unità 13
Le parti del discorso e l'analisi grammaticale

Unità 14
Il pronome
Il pronome sé
Distinzione tra aggettivo e pronome
Pronomi possessivi
Pronomi dimostrativi
Pronomi indefiniti
Pronomi relativi
Analisi grammaticale del pronome

Lezioni online

Hai un compito e vuoi una mano nel prepararti al meglio? Scopri come ripassare con i nostri insegnanti

Lezioni su Skype  

Statistiche
imagealt

Nel pannello ogni utente può con facilità controllare tutti i punti che hai ottienuto negli gli esercizi.

Ogni grafico riesce a mostrarti cosa ancora devi fare ma anche quanto già hai fatto!

Vai alla mia dashboard  

Forum
Altre materie