In questa lezione: l’articolo introduce il nome nella frase.

Senza gli articoli le frasi non avrebbero un significato ben chiaro, ma anche gli articoli staccate dai nomi perdono ogni significato. Perciò Si può dire che:’ articolo è la parola che, nella catena linguistica, precede e introduce il nome: staccato dal nome l’articolo perde il suo significato.

 

L'articolo

La prima funzione dell'articolo  è quella di rendere la parola più corposa, meglio definita, meglio specificata. L'articolo può specificare il nome a cui è unito in due modi diversi: in modo più particolare e preciso, oppure in modo generico.

Quando diciamo “la casa”, indichiamo una casa in particolare, quella casa e non altra: cioè la consideriamo distinta da tutte le altre case, la precisiamo, la determiniamo, e in questo caso l'articolo si chiama articolo determinativo.

Quando invece diciamo “una casa”, la indichiamo in modo generico, una casa qualsiasi; la consideriamo non, non più come distinta da tutte le altre case, ma confusa con esse; in questo caso l'articolo si chiama articolo indeterminativo.

Il genere del nome è spesso arbitrario e convenzionale, e spesso manca nel nome un segno distintivo del genere e del numero. Per esempio lepre, farmacista, cenere sono nomi maschili o femminili? Mano, Saffo, dinamo, che sono femminili, dalla forma potrebbero invece sembrare maschili. Poeta, Enea, Guatemala, che sono maschili, potrebbero dalla forma sembrare femminili. Barbarie, boia, frutta, serie, caffè sono di numero singolare o plurale? In questi casi, è chiara l' utilità che riesce ad avere l'articolo per indicare a tutti, il genere e il numero del nome.

L'articolo è la parte variabile del discorso, espressa da una particella che precede il nome per indicarne il genere e il numero e per specificare se la cosa rappresentata dal nome stesso debba essere distinta o no dall'altra cosa della stessa specie.

L'articolo è così strettamente connesso col nome, che la sua presenza o anche la sola possibilità di questa presenza davanti a una parola indica che questa parola è un nome, anche se non ne ha l'aspetto, anche se originariamente apparteneva ad tutt'altra categoria.

Per esempio bere, dormire sono verbi; ricco povero, bello, brutto sono aggettivi, si, no, perché, quando sono avverbi e congiunzioni, ma se troviamo davanti a queste parole l'articolo vuol dire in tal caso che esse sono considerate come nomi: il bere, il dormire, il ricco, il povero, il bello, il brutto, il si, il no, il perché, il quando.

Paragrafi letti

    
0%
       Salva

  Esercizi su: 'L'articolo'

  Approfondimenti su: 'L'articolo'

68    68    Lezione in pdf su 'L'articolo'
0%
 

Statistiche

Nel pannello personale, ogni utente può facilmente tenere traccia di tutti i punti ottenuti negli esercizi. I grafici mostrano in modo chiaro le attività ancora da completare e quanto hai già realizzato!


Vai alla mia dashboard  
Forum
Altre materie