Consideriamo il periodo: L' imputato fu assolto, non aveva commesso il reato.

In questo periodo ci sono due proposizioni coordinate, e  anche l'esistenza di un legame logico tra la prima e la seconda, infatti, il primo fatto è la conseguenza del secondo. Possiamo allora esprimere questo nesso logico dicendo:

L'imputato fu assolto perché non aveva commesso il reato.

Così facendo abbiamo cambiato la struttura del periodo che ora risulta composto da una principale (L'imputato fu assolto) e da una subordinata (perché non aveva commesso il reato), che esprime la ragione, la causa, il motivo di ciò che è affermato nella principale. Le subordinate come queste vengono chiamate causali.

Subordinate causali

Risultati immagini per causa effetto

L’imputato fu assolto, non aveva compiuto il reato.

In questo periodo, oltre che a due proposizioni coordinate, c'è anche un legame logico tra la prima e la seconda, infatti si capisce che il primo fatto è conseguenza del secondo. Questo nesso logico si può esprimere più chiaramente dicendo:

L’imputato fu assolto perché non aveva commesso reato.

Così facendo abbiamo cambiato la struttura del periodo che ora risulta composto da una principale (L’imputato fu assolto) e da una subordinata (perché non aveva commesso il reato) che esprime la ragione, la causa il motivo di ciò che è affermato nella principale: queste subordinate sono chiamate CAUSALI.

Lo stesso periodo potrebbe presentarsi in forme diverse. Al posto del perché potremmo trovare poiché, più letterario, meno colloquiale, oppure in quanto:

L’imputato fu assolto poiché (in quanto) non aveva commesso il reato.

Tranne nel caso in cui sia introdotta dal perché, la causale può precedere la principale:

Giacché non aveva commesso il reato, l’imputato fu assolto.

Siccome non aveva commesso il reato, l’imputato fu assolto.

Dal momento che non aveva commesso il reato, l’imputato fu assolto.

In tutti questi casi la subordinata causale in forma esplicita è espressa mediante:

perché

poiché

giacché

siccome

in quanto

dato che

visto che

dal momento che

+ un modo finito del verbo (indicativo)

Osserviamo quest’altro periodo:

L’imputato fu assolto per non aver commesso il reato.

In questoperiodo  la medesima dipendente (o subordinata) causale è espressa in forma implicita mediante per + l’infinito del verbo.

L’utilizzo della forma implicita è sempre possibile quando il soggetto della subordinata causale è lo stesso della principale; in caso contrario l’uso della forma implicita non è comunemente accettato. Può comunque capitare di trovarlo in testi letterari o comunque di epoche lontane dalla nostra.

Ad esempio la frase:

L’imputato fu assolto perché le prove erano insufficienti.

difficilmente verrebbe detta mediante la forma implicita, che risulterebbe così:

L’imputato fu assolto per essere le prove insufficienti.

Potremmo invece più comunemente dire:

L’imputato fu assolto essendo le prove insufficienti.

Anche in questo caso la subordinata causale è espressa per mezzo di una forma implicita tramite il GERUNDIO. Forma che può essere sempre utilizzata anche quando il soggetto della subordinata non è lo stesso della principale: in questo caso esso va assolutamente indicato, pena la non chiarezza. Facciamo un esempio.

Il periodo:

Non gli ho prestato il mio cellulare poiché è molto distratto;

diventa, se formulato mediante gerundio:

Essendo lui molto distratto non gli ho prestato il mio cellulare.

Se ci dimenticassimo di mettere il soggetto della subordinata causale, che è diverso da quella principale, il senso complessivo cambierebbe completamente. Avremmo infatti:

Essendo molto distratto non gli ho prestato il mio cellulare.

che significherebbe :

Essendo io molto distratto …

quando la subordinata causale è espressa tramite gerundio, può sia seguire che precedere la principale. Si avrà quindi:

Avendo sperperato il suo patrimonio si ritrovò sul lastrico.

Ma anche:

Quel pomeriggio annullò tutti gli appuntamenti dovendo stendere una relazione molto importante.


 

Prossima lezione

Esercizi su 'Subordinate causali'



Tutte le lezioni

morfologia

Grammatica italiana


Unità 3
La struttura dell'italiano

Unità 4
Il verbo
Verbi predicativi e verbi copulativi
Verbi transitivi e verbi intransitivi
I verbi: persona e numero
Verbo: i tempi del verbo
I modi del verbo
L'aspetto
La forma del verbo: attiva, passiva, riflessiva
La forma riflessiva
Forma riflessiva apparente
Forma riflessiva reciproca
Verbi riflessivi pronominali
Verbi impersonali
Verbi ausiliari
Verbi ausiliari essere ed avere
Verbi servili
Verbi aspettuali e verbi causativi
La coniugazione
Verbi difettivi
Verbi sovrabbondanti

Unità 5
Verbo: i modi finiti
L'indicativo e i suoi tempi
Il presente
Futuro semplice e futuro anteriore
L' imperfetto
Il passato prossimo e passato remoto
Il trapassato prossimo e il trapassato remoto
Congiuntivo e i suoi tempi
Condizionale e i suoi tempi
Imperativo

Unità 6
Verbo: i modi indefiniti
Infinito e i suoi tempi
Participio e i suoi tempi
Gerundio e i suoi tempi
Verbo analisi grammaticale
Il verbo in sintesi

Unità 7
Il nome
Il nome comune, nome proprio, nome collettivo
Primitivi, derivati,alterati,composti
Il nome genere
Formazione del plurale
Nomi invariabili
Nomi difettivi
Nomi sovrabbondanti
Nomi composti
Nomi invariabile
Nomi difettivi
Nome,analisi grammaticale
Il nome in breve

Unità 8
L'articolo
L'articolo determinativo
Articolo indeterminativo
Articolo partitivo
Analisi grammaticale
L'articolo in breve

Unità 9
L'aggettivo
Funzione dell'aggettivo
La posizione dell'aggettivo
Struttura dell'aggettivo
Genere e numero
Concordanza dell'aggettivo
Aggettivi sostantivati
Gradi dell'aggettivo qualificativo
Grado superlativo

Unità 10
Comparativi e superlativi organici
Aggettivi determinativi
Aggettivi possessivi
Aggettivi dimostrativi
Aggettivi identificativi
Aggettivi indefiniti
Aggettivi interrogativi ed escamativi
Aggettivi numerali cardinali
Aggettivi numerali ordinali
Analisi grammaticale dell'aggettivo
L'aggettivo in breve

Unità 11
Il pronome
Il pronome e il testo
Pronomi personali
Pronomi personali soggetto
Pronomi personali complemento
Pronomi riflessivi
Pronomi allocutivi di cortesia
Pronomi possessivi
Pronomi dimostrativi e identificativi
Pronomi indefiniti
Pronomi relativi
Pronomi relativi invariabili
Pronomi relativi variabili
Pronomi doppi
Pronomi esclamativi
Analisi grammaticale del pronome
Pronomi in breve

Unità 12
L'avverbio
La formazione dell'avverbio
Tipi di avverbi
I gradi dell'avverbio
La posizione dell'avverbio
Analisi grammaticale dell'avverbio
Avverbio in breve

Unità 13
La preposizione
Funzione della preposizione
Preposizione proprie
Preposizioni proprie e i complementi
Locuzioni preposizionali
Analisi grammaticale della preposizione
Preposizione in breve

Unità 14
La congiunzione
Vari tipi di congiunzione
Congiunzioni coordinative
Congiunzione subordinative
La congiunzione che
Congiunzioni e preposizioni
Congiunzioni e avverbi
Analisi grammaticale
La congiunzione in breve

Unità 15
L'interiezione
Analisi grammaticale
Interiezione in breve

Unità 16
Le onomatopee

Lezioni online

Hai un compito e vuoi una mano nel prepararti al meglio? Scopri come ripassare con i nostri insegnanti

Lezioni su Skype  

Statistiche
imagealt

Nel pannello ogni utente può con facilità controllare tutti i punti che hai ottienuto negli gli esercizi.

Ogni grafico riesce a mostrarti cosa ancora devi fare ma anche quanto già hai fatto!

Vai alla mia dashboard  

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy.
Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie
In caso contrario è possibile abbandonare il sito

Privacy policy
Forum
Altre materie