Lezione e spiegazione su il linguaggio politico che spiegano i vari argomenti della grammatica italiana in modo semplice, accompagnate da esempi e immagini. Inoltre tanti esercizi per ogni lezione per capire immediatamente quanto compreso.

Il linguaggio politico

Parlando di linguaggio politico ci riferiamo in particolare alla lingua usata dai politici nei loro discorsi, comizi ecc., e dai giornalisti che parlano di politica.

Così delimitato il linguaggio politico può essere considerato solo parzialmente un linguaggio settoriale, perché, come vedremo, il suo lessico non usa esclusivamente termini specialistici.

a) il lessico

Il linguaggio politico è per sua natura abbastanza composito. Possiamo distinguere:

le parole che risalgono ai tempi passati e soprattutto dell'ottocento, quando di sono affermate i principi della rivoluzione francese e le ideologie del liberalismo e del marxismo. Troviamo vocaboli come:

parlamento, maggioranza, minoranza, costituzione, borghesia, capitalismo, elezione, socialismo, comunismo;

- le parole che nascono in epoca recente. Di queste fanno parte:

apertura, chiusura, dialogo;

b) vocaboli ed espressioni che provengono da altri linguaggi settoriali: molto spesso il termine specialistico viene usato attraverso il meccanismo della metafora. Ecco alcuni esempi:

banco di prova, sbandata, svolta, sterzata, ( dal linguaggio automibilistico);

staffetta (dall' atletica)

direttrici, arco, vertice, convergenza ( dalla geometria)

intervento traumatico, diagnosi, terapia, paralisi (dalla medicina)

franchi tiratori, cecchini, schieramento, sortita, contromanovra (dalla tecnica militare )

correnti (dalla meteorologia)

c) neologismi formati per mezzo di prefissi ( o prefissoidi) e suffissi ( o suffissoidi ).

Tra i prefissi ( e prefissoidi ) più usati abbiamo

anti-, super-, pre-, post-, euro-

postcomunismo, antifascista, preelettorale, eurodeputato;

tra i suffissi sono frequenti quelli usati in

– ismo, - ista, -ino,:

trasformismo, leghista, ciellino;

d) numerosi latinismi :

memorandum, referendum, deficit,

ed espressioni cristallizzate dall'uso:

veti incrociati, quadro politico.

CARATTERISTICHE DEL LINGUAGGIO POLITICO

Ci limitiamo a indicarne alcune.

Nel linguaggio politico uno stesso termine può avere significato positivo o negativo a secondo del gruppo politico che lo utilizza. Ciascuno di noi che abbia seguito anche da semplice spettatore una campagna elettorale si è senz' altro reso conto che termini come liberista, comunista, statalista sono usati con connotazione molto diversa dai differenti schieramenti.

Tra i neologismi, alcuni, in particolare quelli formati con l'aggiunta del suffisso – ano, sono formazioni occasionali , legate spesso al nome di un personaggio politico e destinato quindi a seguire la fortuna di quel personaggio (fanfaniano, craxiano ).

Nei linguaggio politico è facile trovare ambiguità (sopratutto nel significato attribuito alle parole ) attenuazioni ( ritengo di poter affermare “ invece di io affermo

eufemismi : ammortizzatori sociali per cassa integrazione, metafore ( vedi pr 1 lez 17). Tutto questo contribuisce a rendere spesso questo linguaggio piuttosto difficile per chi è estraneo al settore: possiamo ricordare come esempio di linguaggio oscuro, l'ossimoro ( figura retorica che vuol dire accostamento di contrari ) convergenze parallele, e, sul modello di questo, divergenze parallele, divergenze convergenti.

Il linguaggio politico è per sua natura polemico, perché chi parla vuole affermare la sua tesi e contrastare le argomentazioni di chi non appartiene al suo gruppo politico.

Prossima lezione

Esercizi su 'Il linguaggio politico'



Tutte le lezioni

morfologia

Grammatica italiana


Unità 3
La struttura dell'italiano

Unità 4
Il verbo
Verbi predicativi e verbi copulativi
Verbi transitivi e verbi intransitivi
I verbi: persona e numero
Verbo: i tempi del verbo
I modi del verbo
L'aspetto
La forma del verbo: attiva, passiva, riflessiva
La forma riflessiva
Forma riflessiva apparente
Forma riflessiva reciproca
Verbi riflessivi pronominali
Verbi impersonali
Verbi ausiliari
Verbi ausiliari essere ed avere
Verbi servili
Verbi aspettuali e verbi causativi
La coniugazione
Verbi difettivi
Verbi sovrabbondanti

Unità 5
Verbo: i modi finiti
L'indicativo e i suoi tempi
Il presente
Futuro semplice e futuro anteriore
L' imperfetto
Il passato prossimo e passato remoto
Il trapassato prossimo e il trapassato remoto
Congiuntivo e i suoi tempi
Condizionale e i suoi tempi
Imperativo

Unità 6
Verbo: i modi indefiniti
Infinito e i suoi tempi
Participio e i suoi tempi
Gerundio e i suoi tempi
Verbo analisi grammaticale
Il verbo in sintesi

Unità 7
Il nome
Il nome comune, nome proprio, nome collettivo
Primitivi, derivati,alterati,composti
Il nome genere
Formazione del plurale
Nomi invariabili
Nomi difettivi
Nomi sovrabbondanti
Nomi composti
Nomi invariabile
Nomi difettivi
Nome,analisi grammaticale
Il nome in breve

Unità 8
L'articolo
L'articolo determinativo
Articolo indeterminativo
Articolo partitivo
Analisi grammaticale
L'articolo in breve

Unità 9
L'aggettivo
Funzione dell'aggettivo
La posizione dell'aggettivo
Struttura dell'aggettivo
Genere e numero
Concordanza dell'aggettivo
Aggettivi sostantivati
Gradi dell'aggettivo qualificativo
Grado superlativo

Unità 10
Comparativi e superlativi organici
Aggettivi determinativi
Aggettivi possessivi
Aggettivi dimostrativi
Aggettivi identificativi
Aggettivi indefiniti
Aggettivi interrogativi ed escamativi
Aggettivi numerali cardinali
Aggettivi numerali ordinali
Analisi grammaticale dell'aggettivo
L'aggettivo in breve

Unità 11
Il pronome
Il pronome e il testo
Pronomi personali
Pronomi personali soggetto
Pronomi personali complemento
Pronomi riflessivi
Pronomi allocutivi di cortesia
Pronomi possessivi
Pronomi dimostrativi e identificativi
Pronomi indefiniti
Pronomi relativi
Pronomi relativi invariabili
Pronomi relativi variabili
Pronomi doppi
Pronomi esclamativi
Analisi grammaticale del pronome
Pronomi in breve

Unità 12
L'avverbio
La formazione dell'avverbio
Tipi di avverbi
I gradi dell'avverbio
La posizione dell'avverbio
Analisi grammaticale dell'avverbio
Avverbio in breve

Unità 13
La preposizione
Funzione della preposizione
Preposizione proprie
Preposizioni proprie e i complementi
Locuzioni preposizionali
Analisi grammaticale della preposizione
Preposizione in breve

Unità 14
La congiunzione
Vari tipi di congiunzione
Congiunzioni coordinative
Congiunzione subordinative
La congiunzione che
Congiunzioni e preposizioni
Congiunzioni e avverbi
Analisi grammaticale
La congiunzione in breve

Unità 15
L'interiezione
Analisi grammaticale
Interiezione in breve

Unità 16
Le onomatopee
Forum
Altre materie
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. È possibile approfondire come usiamo i Cookie sulla nostra pagina dedicata e su come disinibire l'utilizzo dei cookie attraverso il browser.Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.