0 Points 


il nome in breve

 In questa lezione il nome in breve.

Ogni unità si conclude con una lezione che ne sintetizza i concetti più importanti.



Mostra indice

Indice


In nome in breve

Il nome è quella parte variabile del discorso che serve a indicare persone, animali, cose, idee, concetti, stati d’animo, azioni, fatti.

  • In base al significato i nomi possono essere:

a) comuni, indicano: persone, animali o cose in modo generico. ( sedia, cane, vaso, cielo).

b) propri, indicano: persone, animali o cose in modo individuale e preciso. ( Luca, Titti, Po).

c) concreti, indicano persone, animali o cose reali che possiamo percepire attraverso i cinque sensi:(radio, auto, fiume, neve, risotto ).

d) astratti, indicano idee, concetti, sentimenti e tutto ciò che in genere non possiamo percepire attraverso i cinque sensi. (vizio, idea, pensiero ).

e) individuali, indicano una singola persona, animale o cosa. ( giocatore, pecora, nave ).

f) collettivi, indicano un insieme di persone, animali o cose della stessa specie o categoria. ( squadra , gregge, flotta ).

  • In base al genere i nomi possono essere:

a) maschili: Lucio, aereo, cane, libro;

b) femminili: Sara, commessa , gallina, tovaglia.

La formazione del femminile permette di suddividere i nomi in:

  1. mobili , passano dal maschile al femminile modificando la desinenza oppure aggiungendo un suffisso: amico - amica, duca - duchessa.

  2. indipendenti, hanno forme completamente diverse per il maschile e il femminile:padre / madre, fratello / sorella.

  3. di genere, hanno la stessa forma per il maschile e il femminile: il cantante - la cantante, il nipote - la nipote.

  4. di genere promiscuo, hanno un’unica forma per indicare sia il maschio sia la femmina dello stesso animale: il serpente maschio, il serpente femmina

  • In base al numero i nomi possono essere:

  1. singolari : bambino, leone, matita.

  2. plurali: bambini, leoni, matite.

  3. variabili: al plurale variano la desinenza: rosa – rose.

  4. invariabili: al plurale non variano la desinenza: il re - i re.

  5. difettivi: hanno solo il singolare o solo il plurale: il morbillo, le ferie.

  6. sovrabbondanti: hanno due plurali di genere diverso e di significato diverso: il braccio = i bracci - le braccia.

  • In base alla struttura i nomi possono essere:

  1. primitivi: formati solo da radice e desinenza: casa.

  2. derivati: derivano dai nomi primitivi con l’aggiunta di prefissi e suffissi e assumono un significato del tutto diverso: rincasare, casalinga.

  3. alterati: con l’aggiunta di suffissi alterano il significato del nome da cui derivano:

a) diminutivi: casetta, accrescitivi casona

b) vezzeggiativi: casuccia , dispregiativi casaccia

c) composti: formati dall’unione di due o più parole: pescecane, cassaforte, capostazione.

Prossima lezione


Esercizi su Il nome in breve







Forum
Altre materie
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. È possibile approfondire come usiamo i Cookie sulla nostra pagina dedicata e su come disinibire l'utilizzo dei cookie attraverso il browser.Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.