In questa lezione: la classificazione dei segni. I segni nella realtà sono tanti e di diverso genere e si possono organizzare nei seguenti gruppi: segni naturali, segni artificiali, segni intenzionali, segni gestuali e i segni verbali.

 

I segni: classificazione

I segni naturali  hanno un significato universale che non cambia con il trascorrere del tempo. I fenomeni  meteorologici si segnalano sempre allo stesso modo, le orme di un animale indicano il suo passaggio, le impronte digitali una persona  segnalano che egli è passato in quel posto, le nuvole pioggia imminente,  il fumo segnala la presenza di fuoco, un arcobaleno informa che è appena passato un temporale.

I segni artificiali hanno un significato che cambia a seconda del tempo e del luogo. La luce rossa dei fanalini posteriori di un'auto segnala che l'automobilista sta frenando, oppure una spia rossa su una porta indica che il locale è occupato.

I segni intenzionali nascono da una precisa volontà d'inviarli. Sono intenzionali la paletta alzata di un poliziotto per intimare l'alt, una pacca sulla spalla, una manifestazione di piazza ecc.

A tutti questi segni si associa la componente della convenzionalità. Convenzione: per esempio, un gesto, per tacito accordo di tutti coloro che vivono in quell'ambiente, vuol dire una certa “cosa” ed è frutto di una convenzione, cioè si è convenuto che quel gesto,   è fissato  e accettato da tutti. Naturalmente i segni intenzionali, proprio per la loro convenzionalità, vanno compresi e imparati

I segni  spontanei  non dipendono dalla volontà dell'individuo: starnutire,  arrossire, impallidire, dimenticare qualcosa, distrarsi, questi segni si chiamano anche indizi. In base agli indizi, che in medicina sono chiamati sintomi, il medico è in grado di diagnosticare una malattia.

I segni gestuali sono legati al linguaggio del corpo e possono essere intenzionali o non intenzionali.

un sorriso d'incoraggiamento

la richiesta di silenzio avvicinando il dito indice alla bocca

una smorfia ;

sono tutti gesti che hanno carattere d'intenzionalità.

Invece, lo sbadiglio, la testa bassa se si ha vergogna, lo sguardo scintillante se si è allegri, il brivido per la paura o per l'emozione sono segni che non dipendono dalla volontà.

I segni verbali sono le parole (da latino verbum) e sono propri dell'uomo. L'uomo è l'unico essere sulla Terra in grado di stabilire una comunicazione verbale, cioè fare un discorso, organizzare un dialogo e una conversazione, scrivere un messaggio o un testo con i più diversi mezzi:con la penna, con un cartellone pubblicitario, con un computer ...

Paragrafi letti

    
0%
       Salva

  Esercizi su: 'La classificazione dei segni'

  Approfondimenti su: 'La classificazione dei segni'


Statistiche

Nel pannello personale, ogni utente può facilmente tenere traccia di tutti i punti ottenuti negli esercizi. I grafici mostrano in modo chiaro le attività ancora da completare e quanto hai già realizzato!


Vai alla mia dashboard  
Forum
Altre materie