Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. È possibile approfondire come usiamo i Cookie sulla nostra pagina dedicata (la pagina è ospitata su progettospartaco.it) e su come disinibire l'utilizzo dei cookie attraverso il browser.Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

il segno

Si comunica non solo per far sapere i propri bisogni primari, ma anche per fornire informazioni. In una strada di città i cartelli informano: lavori in corso, vicinanza di una stazione, presenza di un ospedale, anche la natura offre informazioni: le nuvole nere avvisano di un temporale, l'insieme delle informazioni inviate costituisce il “ messaggio”. Si definisce SEGNO lo strumento - base con cui vengono inviate le informazioni che formano il messaggio. Quanti segni ci sono in un messaggio? A volte uno solo a volte … milioni. Un film per esempio è pieno di suoni, parole e gesti. Un segno è composto a sua volta di due elementi: IL SIGNIFICANTE e il SIGNIFICATO. Il significante è la parte, la componente del segno che viene registrata con gli organi di senso (vista, udito, tatto, odorato, gusto). Il significato è la parte mentale del segno, quello che comprendiamo con la mente.

Spiegazione grammaticale

Il segno

I segni di cui gli esseri viventi si servono per comunicare sono moltissimi per natura e per forma, ma tutti vengono percepiti dagli uomini e dagli animali attraverso i sensi.  sono così classificati i

segni a seconda dei sensi che li ricevono:

segni acustici

il suono della voce di una persona che ringrazia un'altra persona,

il canto di un passero in cerca di cibo,

il ringhio di un cane contro un estraneo,

il fischio di un vigile che obbliga un automobilista a fermarsi,

la sirena della fabbrica quando avvisa che è finito il turno,

segni visivi

Risultati immagini per vedere  illustrazioni

il cenno della testa con cui una persona ne saluta un'altra,

il movimento della coda di un cane alla vista del padrone

l'indice vicino alla bocca per invitare al silenzio

la luce rossa del semaforo che obbliga a fermarsi

la luce gialla del cruscotto dell'auto indica che la benzina è quasi finita

segni tattili

la stretta di mano con cui una persona ne saluta un'altra

il bacio tra due persone come dimostrazione di affetto

segni olfattivi

il profumo di gran valore usato per distinguersi socialmente  dagli altri,

gli odori usati dagli animali per attirare o respingere altri animali,

l'odore di un certo cibo

segni gustativi

Risultati immagini per cibo tipico

il sapore del cibo come testimonianza di una certa festività o ricorrenza

il sapore del cibo come espressione di una condizione sociale o di una particolare origine regionale o nazionale.

Il significante e il significato

L'unità minima di ogni comunicazione, sia che si tratti di messaggi verbali, sia che si tratti di comunicazione visiva, musicale, gestuale o altro genere, è il segno. Quando si parla di segno linguistico, si indica una parola, una forma, un suono, un gesto un intero oggetto usato come mezzo per trasmettere una qualche informazione. Con questo termine viene usato in semiologia, la disciplina che studia la struttura di ogni tipo di linguaggio, il cui nome deriva proprio dal greco semeîon, che vuole dire segno.


Gli studiosi di semiologia descrivono il segno come un entità a tre facce: da un lato c'è il significante, cioè la componente materiale del segno, ciò che di esso viene realmente percepito ( il suono di una parola, le forme o i colori di un' immagine ecc.); da un altro lato c'è il significato, cioè il vero e proprio contenuto del segno, l'immagine mentale che viene associata a quel suono, a quella forma a quel colore. Nel segno viene infine coinvolto un altro fattore: il referente, esso rappresenta, per così dire la dimensione extra linguistica del segno, ossia l'oggetto a cui esso rimanda, dunque non un' entità mentale, come il significato, ma la realtà concreta.

Un disegno del pittore René Magritte può aiutarci a comprendere meglio il senso di questi termini.

La parola “cavallo” pronunciata dall'uomo e l'immagine del cavallo dipinto sulla tela sono entrambi significanti, seppure di natura diversa ( uno è di tipo sonoro, l'altra di tipo visivo);

l'idea che ciascuno di noi associa alla parola cavallo ( in francese cheval ), o alla riproduzione visiva dell'animale , è il significato; il cavallo vero e proprio ossia l'animale in carne e ossa è il referente.





Esercizi di italiano su il segno




Forum

In questa parte del sito puoi chiedere alla community e ai nostri insegnanti dubbi e perplessità trovati affrontando solo questa pagina. Se hai un dubbio diverso crea un nuovo 'topic' con il pulsante 'Fai una nuova domanda'.

Registrati per poter usare il forum di lagrammaticaitaliana.it. Prova, è gratis!

Lascia, per primo, un commento o domanda per la lezione di grammatica di inglese...





lagrammaticaitaliana.it fa parte di progettospartaco.it Questo progetto vorrebbe ambiziosamente librarare la cultura e trasformare i vecchi contenuti stampati in nuovo materiale fruibile in modo "2.0". Progettospartaco.it raccoglie metaforicamente sotto il suo ombrello tutti quei siti che sposano il suo pensiero: "cultura libera per tutti"


0 0 0