Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. È possibile approfondire come usiamo i Cookie sulla nostra pagina dedicata (la pagina è ospitata su progettospartaco.it) e su come disinibire l'utilizzo dei cookie attraverso il browser.Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

la frase semplice o proposizione

La forma più semplice che può assumere un discorso è la proposizione. Perché ci sia una proposizione è necessario che ci siano almeno due elementi : il soggetto e il predicato .Il soggetto è la persona o la cosa che compie una determinata azione e il predicato è quel che si “ predica “, cioè quello che si dice del soggetto, in altre parole l'azione che si attribuisce al soggetto. Dicendo “Paolo ride “, noi enunciamo una proposizione, una delle più brevi che ci siano. Ora se dovessi analizzare la proposizione dal punto di vista grammaticale, diresti che Paolo è un nome proprio e ride è verbo. Però adesso tu vuoi sapere qual è la funzione che compiono queste due parole nella proposizione : vuoi un'analisi ragionata, l'analisi logica della proposizione. Secondo l'analisi logica, Paolo è la persona che fa l'azione, dunque è il soggetto; ride è l'azione che si attribuisce a Paolo, al soggetto, dunque il predicato. Quando la proposizione è formata da un solo soggetto e da un solo predicato, si chiama semplice. Se è formata da più soggetti o da più predicati si chiama composta. Se oltre al soggetto e al predicato ha altri elementi si chiama complessa. Gli altri elementi sono l'attributo, apposizione e i complementi.

Spiegazione grammaticale

La frase semplice o proposizione

 

 

                                                           Gli elementi basilari della frase.

 

 

 


La struttura portante: ogni frase deve avere il suo verbo.

Studiando forme e funzioni del verbo, abbiamo imparato che un gruppo di parole rischia molto spesso di non avere senso senza la presenza del verbo.

Ecco per esempio una frase, dove, invece del verbo ci sono dei puntini :

  • Rufus … all'improvviso la vanga.

non comunica nulla di chiaramente comprensibile. I puntini potrebbero essere riempiti in molti modi: solleva, getta, chiede … Con un messaggio senza verbo la comunicazione fallirebbe.  fa da base a tutti gli elementi che formano la frase, senza di esso

Mettiamo, per esempio, la forma verbale “chiese”

  • Rufus chiese all'improvviso la vanga.

Adesso la nostra frase ha un senso compiuto, capace di comunicare un messaggio efficace.

Se ogni verbo, quindi, è il cardine su cui ruotano le altre parti del discorso e solo grazie al verbo possiamo costruire le frasi che compongono i testi, è naturale che bisognerà trovare i verbi adatti per completare ed ampliare testi già iniziati, già esistenti.

Vediamo come si può ampliare un testo. Usiamo l'esempio già citato:

  • Rufus  chiese all'improvviso una vanga e …

Cosa vorrà mai fare il nostro Rufus, dopo aver fatto la sua richiesta? Con la fantasia possiamo far fare al nostro personaggio l'azione che più ci piace, e quindi scrivere dopo la "e", al posto dei puntini, l'azione che vogliamo fargli  compiere .Costruiremo così una seconda frase. Ipotizziamo che Rufus  sia un contadino che mostra la sua tenuta ad alcune persone:

  • Rufus  chiese all'improvviso una  vanga e con essa scavò numerose e misteriosissime piccole buche....

 

E così abbiamo costruito due frasi. Si potrebbe continuare a lungo, ampliando il nocciolo originario, la frase di partenza. L'importante è ricordare che la “base d'appoggio” di qualsiasi di qualsiasi nostro pensiero è il verbo.

1  verbo avrò                  1 frase

2 verbi avrò                    2 frasi

3 verbi avrò                    3 frasi


e così di seguito.

 

Non esiste frase senza predicato e soggetto.


Fin qui il verbo. Ma il verbo, è tutto, in una frase?   Riprendiamo nuovamente  la  frase - esempio per avere la risposta:

  • Rufus chiese all'improvviso una vanga”

e proviamo ridurre man mano per vedere fino a quale punto riesce ad esprimere un suo significato.

 

Togliamo la locuzione avverbiale “ all'improvviso” e otterremmo:

  • Rufus  chiese una vanga.

che ancora comunica un messaggio compiuto .

Se, a questo punto, decidessimo di eliminare ancora un elemento, la vanga, cosa accadrebbe? Otterremmo:

  • Rufus  chiese.

 

Anche con questa riduzione la frase riesce a conservare il suo significato di fondo: è ancora in grado di comunicarci che Rufus  compì in passato l'azione di chiedere. Anche se non si precisa più che cosa abbia chiesto, abbiamo l'idea chiara dell'azione compiuta dal contadino. Ma se pretendessimo di continuare a cancellare elementi, la nostra frase perderebbe certamente il suo significato. Infatti:

1)  Rufus...

2) … chiese

in nessuno di questi ultimi due casi la frase comunica il messaggio iniziale, neppure in parte.

Rufus  da solo, è un segno sospeso, perché non ci comunica il messaggio dell'azione, perché non sappiamo che cosa stia facendo, o abbia fatto, il personaggio.

Neppure il verbo chiese riesce da solo a comunicare un significato completo come quello della frase di partenza: potrebbe essere chiunque, colui che compie l'azione di chiedere, e non necessariamente Rufus.

Concludendo possiamo dire che se vogliamo costruire una frase di senso compiuto sono necessari e indispensabili due elementi fondamentali; in grammatica vengono chiamati PREDICATO ( il verbo “chiese” nella frase d'esempio) SOGGETTO ( il nome proprio Rufus, autore dell'azione di chiedere)


Esistono frasi apparentemente senza soggetto o predicato. Si dice allora che l'elemento mancante è sottinteso. Dire che una forma è sottintesa non significa che non esiste, ma che il soggetto o il predicato sono stati tralasciati volontariamente, poiché il significato della frase, all'interno di un determinato discorso, è chiaro anche senza esprimere il termine sottinteso:

Esempio:

 E vento il tecnico?

 È venuto (soggetto SOTTINTESO )

Chi è venuto?

Il tecnico (predicato SOTTINTESO)

Il soggetto ed  il predicato sono dunque gli  attori principali della frase. Fra loro è necessario  è necessario l'accordo morfologico.

 

Lo  storico ricerca  →                   soggetto singolare -  predicato singolare

                                                  

 

Gli storici ricercano  →                 soggetto plurale -  predicato plurale

                                                  

 

 





Esercizi di italiano su la frase semplice o proposizione




Forum

In questa parte del sito puoi chiedere alla community e ai nostri insegnanti dubbi e perplessità trovati affrontando solo questa pagina. Se hai un dubbio diverso crea un nuovo 'topic' con il pulsante 'Fai una nuova domanda'.

Registrati per poter usare il forum di lagrammaticaitaliana.it. Prova, è gratis!

Lascia, per primo, un commento o domanda per la lezione di grammatica di inglese...





lagrammaticaitaliana.it fa parte di progettospartaco.it Questo progetto vorrebbe ambiziosamente librarare la cultura e trasformare i vecchi contenuti stampati in nuovo materiale fruibile in modo "2.0". Progettospartaco.it raccoglie metaforicamente sotto il suo ombrello tutti quei siti che sposano il suo pensiero: "cultura libera per tutti"


0 0 0