Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. È possibile approfondire come usiamo i Cookie sulla nostra pagina dedicata (la pagina è ospitata su progettospartaco.it) e su come disinibire l'utilizzo dei cookie attraverso il browser.Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

La frase semplice o proposizione

La frase semplice, o proposizione, è l’espressione di un pensiero di senso compiuto. Nella frase semplice due o più parole si uniscono intorno ad un unico predicato, ossia ad un solo verbo.

Elementi indispensabili per avere una frase di senso compiuto sono: il soggetto, ossia ciò di cui si parla, e il predicato, cioè quello che si dice del soggetto.


Spiegazione grammaticale

La frase semplice o proposizione

Gli elementi basilari della frase.

 

                                                          

 


 

La frase semplice o proposizione nella sua forma base prende il nome di frase minima, ed è formata dal soggetto, ossia ciò di cui si parla e il predicato, cioè quello che si dice del soggetto:
Il telefono (soggetto) squilla (predicato).
Il cane (soggetto) corre (predicato)
Paola (soggetto) legge (predicato)
La frase minima è completa dal punto di vista del significato, perché offre tutte le informazioni necessarie su un fatto, una situazione o un’azione, seppure in forma essenziale.
Al soggetto e al predicato, che formano il nucleo della frase, si possono aggiungere altri elementi che servono a fornire informazioni e precisazioni relative al soggetto o al predicato o a entrambi, oppure che precisano meglio il rapporto che esiste tra soggetto e predicato.
Così la frase minima:
Il cane morde
può espandersi aggiungendo nuovi elementi:
Il cane morde un osso.
Il cane di Mario morde un osso.
Il cane di Mario morde un osso in giardino.
Il cane di Mario morde un osso di pollo in giardino.
 I gruppi di parole che sono stati aggiunti alla frase minima “Il cane morde” , e cioè: un osso, di pollo, di Mario, in giardino, si chiamano complementi perché completano il significato di uno degli elementi essenziali della frase, si chiamano anche espansioni perché espandono tale significato. Aggiungendo questi elementi la comunicazione risulta più chiara e precisa.
Oltre all’aggiunta di complementi la frase può espandersi con l’aggiunta di altri elementi come gli attributi e apposizioni. L’attributo è un aggettivo che si unisce al nome per indicarne una qualità o per determinarlo meglio:
Oggi è una bella giornata.
Ho comperato due vasi rossi.
L’apposizione è un nome che  si usa per determinare un altro nome con più precisione:
Mi ha telefonato l’ingegner Bellori.
Lo zio Piero festeggia la sua vincita.

 

 





Esercizi di italiano su la frase semplice o proposizione




Forum

In questa parte del sito puoi chiedere alla community e ai nostri insegnanti dubbi e perplessità trovati affrontando solo questa pagina. Se hai un dubbio diverso crea un nuovo 'topic' con il pulsante 'Fai una nuova domanda'.

Registrati per poter usare il forum di lagrammaticaitaliana.it. Prova, è gratis!

Lascia, per primo, un commento o domanda per la lezione di grammatica di inglese...





lagrammaticaitaliana.it fa parte di progettospartaco.it Questo progetto vorrebbe ambiziosamente librarare la cultura e trasformare i vecchi contenuti stampati in nuovo materiale fruibile in modo "2.0". Progettospartaco.it raccoglie metaforicamente sotto il suo ombrello tutti quei siti che sposano il suo pensiero: "cultura libera per tutti"


0 0 0