Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. È possibile approfondire come usiamo i Cookie sulla nostra pagina dedicata (la pagina è ospitata su progettospartaco.it) e su come disinibire l'utilizzo dei cookie attraverso il browser.Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

proposizioni interrogative

Proposizioni interrogativa diretta  esprime una domanda rivolta a qualcuno, si caratterizzano dal punto interrogativo nello scritto, e da un particolare tono di voce.


Spiegazione grammaticale

Proposizioni interrogative


 

  • Possono essere dirette o indirette, semplici, doppie o disgiuntive,reali o retoriche.

Le interrogative dirette sono quelle proposizioni principali che comunicano un pensiero non sotto forma di enunciato di un fatto, ma sotto forma di domanda per sapere un fatto. Si dicono dirette perché la domanda è espressa in forma diretta (nel parlato si riconoscono per il tono interrogativo della voce, nello scritto per la presenza del punto interrogativo) e perciò sono proposizioni principali,indipendenti:

Chi ti ha scritto?

Quando andremo al ristorante?

Quale pasticcino vuoi?

Hai portato il gatto?

Sono indirette quelle proposizioni interrogative non poste in forma diretta ma fatte dipendere (e quindi sono proposizioni subordinate, dipendenti) da altre proposizioni in cui sono presenti verbi o nomi o aggettivi esprimenti domanda come chiedere, interrogare, cercare, domandare, ecc; esprimenti dubbio come non so, dubito, sono incerto, ignoro, sono in dubbio, ecc; o di significato dichiarativo come dire, sapere, spiegare, ecc:

Ti ho chiesto se hanno portato il gatto.

Non capisco perché non sei contento del contatto.

Dimmi quanti piatti hai rotto.

Mi ha chiesto se potevo prestargli dei soldi.

  • Sono semplici quando contengono una sola domanda:

Dove stai andando?

Ti ho chiesto dove stai andando.

  • doppie quando pongono due o più domande:

Sei andato al supermercato e hai comperato il pane?

Mi dici se sei andato al supermercato e hai comperato il pane.

Sono disgiuntive quando le domande sono due o più ma alternative tra loro:

Volete andare al concerto  o allo stadio?

  • Si dicono reali le interrogative che poniamo per domandare qualcosa che non sappiamo e che vogliamo conoscere:

Dove hai posteggiato l'auto?

Che ore sono?

Da quale binario parte il treno per Ginevra.

Perché hai detto così?

Vorrei sapere quanto tempo resterete chiusi in casa.

  • Sono retoriche quelle frasi che pur costruite come proposizioni interrogative sono espresse non per domandare qualcosa ma, avendo già la risposta implicita nella domanda (sì o no) danno, sotto forma di domanda, maggior risalto a quella determinata affermazione:

Metti forse prima il denaro alla salute?

Non ti ho forse detto sempre la verità?

Non è stata bello il nostro viaggio di nozze?

Ti ho forse rimproverato?

Chi mai potrebbe criticarti?

Dimmi se non è stata bello il nostro viaggio di nozze.

Vorrei sapere se ti ho forse rimproverato.

Le interrogative dirette sono formate  col verbo all’indicativo,  quando  esprimono eventualità o possibilità  anche col congiuntivo e il condizionale. A volte anche con l’infinito, sia presente che passato. Sono aperte da un pronome, aggettivo o da un avverbio interrogativo.

Quanti anni hai?

Dove vai?

Che stai facendo?

Quale gelato preferisci?

Maria è in casa?

Vai al mare o resti a casa?

E dove andresti?

Dove andremmo a finire, se facessero tutti come voi?

Mi dareste una mano?

Che sia già partita?

Che abbia capito male?

Che sia successo qualcosa?

Che dire del suo intervento?

Che strategia adottare?

Perché partire proprio adesso?

Io,credere?

Lui, aver compiuto un’azione del genere?

Le interrogative indirette sono introdotte da pronomi, aggettivi o avverbi interrogativi o da congiunzioni subordinative con valore interrogativo-dubitativo come quando, come, perché, se. Possono essere esplicite ed implicite.

  • le esplicite hanno il verbo all’indicativo, al congiuntivo o al condizionale:

Che fare? ( no so assolutamente cosa fare)

Chi potrà mai aiutarmi ( non so chi potrà mai aiutarmi)

A chi potrei rivolgermi? ( non so a chi potrei rivolgermi)

Non so se uscirò con pioggia fastidiosa.

Ditemi che cosa avreste fatto voi se vi foste trovati nella stessa situazione.

  • le implicite (che devono avere identità di soggetto con la reggente) hanno il verbo all’infinito:

Non so dove andare.

Siamo in dubbio sul vestito da scegliere.

 





Esercizi di italiano su proposizioni interrogative




Forum

In questa parte del sito puoi chiedere alla community e ai nostri insegnanti dubbi e perplessità trovati affrontando solo questa pagina. Se hai un dubbio diverso crea un nuovo 'topic' con il pulsante 'Fai una nuova domanda'.

Registrati per poter usare il forum di lagrammaticaitaliana.it. Prova, è gratis!

Lascia, per primo, un commento o domanda per la lezione di grammatica di inglese...





lagrammaticaitaliana.it fa parte di progettospartaco.it Questo progetto vorrebbe ambiziosamente librarare la cultura e trasformare i vecchi contenuti stampati in nuovo materiale fruibile in modo "2.0". Progettospartaco.it raccoglie metaforicamente sotto il suo ombrello tutti quei siti che sposano il suo pensiero: "cultura libera per tutti"


0 0 0