Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. È possibile approfondire come usiamo i Cookie sulla nostra pagina dedicata (la pagina è ospitata su progettospartaco.it) e su come disinibire l'utilizzo dei cookie attraverso il browser.Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

subordinate temporali - Grammatica italiana

Lezione e spiegazione su subordinate temporali che spiegano i vari argomenti della grammatica italiana in modo semplice, accompagnate da esempi e immagini. Inoltre tanti esercizi per ogni lezione per capire immediatamente quanto compreso.

Spiegazione grammaticale

Subordinate temporali.

 

Quando non ci sei, il cane è sempre triste.

La proposizione quando non ci sei precisa quando il cane si sente triste: è una proposizione temporale.La proposizione subordinata temporale, indica quando si verifica, se è verificato o si verificherà quanto detto nella reggente. La temporale svolge, rispetto alla reggente la stessa funzione che il complemento di tempo svolge svolge rispetto al predicato: infatti completa il significato della reggente, indicando il tempo in cui si svolge l'azione che questa esprime.

Al suo arrivo

tutti balzarono in piedi.

-quando egli arrivò

 

Dopo la sua partenza

tutti la rimpiansero.

- dopo che fu partita

 

Nella forma esplicita la temporale è introdotta dalla congiunzione subordinativa quando, mentre, come, allorquando, finché, allorché, e dalle locuzioni congiuntive come, nel momento che, prima che, dopo che, fini a che, a mano a mano, tutte le volte che ecc.

Per quanto riguarda il verbo, la temporale richiede di norma l'indicativo:

Mentre dormivo ha nevicato molto.

Dopo che ebbe parlato, se ne andò.

Tutto questo succedeva all'epoca in cui abitavo ancora in città.

 

Quando un calciatore importante esce dal campo, il pubblico protesta.

 

 

Quando è introdotta da prima che, richiede il congiuntivo.

Prima che tu parta, voglio parlarti.

 

Nella forma implicita, la temporale può avere può avere il verbo:

 

- all'infinito introdotto dalla preposizioni o dalle locuzioni nel, prima di, dopo (di):

 

Nel salutarli, mi commossi.

 

Rifletti, prima di parlare.

 

Dopo aver lavato le lenzuola, stirerò le camice.

 

- al gerundio senza alcuna preposizione:

 

Tornado dalla palestra, passerò al supermercato.

 

- al participio passato sempre senza alcuna preposizione

 

Finto il lavoro, gli imbianchini puliranno il pavimento.

Prima che... e dopo che... sono espressioni comuni, nella lingua scritta o parlata, per introdurre frasi temporali. La prima serve ad esprimere l'anteriorità della proposizione reggente; la seconda la sua posteriorità. La costruzione da prima che... ha però in sé una sfumatura di eventualità, di soggettività esige perciò sempre il modo congiuntivo.

 

Prima che la puntata termini, sapremo la verità sul protagonista.

 

Tutti avevano intuito la conclusione, prima che andasse in onda l'ultima puntata.

La locuzione dopo che... invece ha un forte significato di realtà; perciò esige, dopo di sé, il modo indicativo.

Dopo che è partito, non ho più avuto sue notizie.

 

In espressioni riguardanti il futuro, possiamo costruire dopo che... con il congiuntivo.

Ne riparleremo, dopo che tu sia arrivato.

 

 

 

 

 





Esercizi di italiano su subordinate temporali




Forum

In questa parte del sito puoi chiedere alla community e ai nostri insegnanti dubbi e perplessità trovati affrontando solo questa pagina. Se hai un dubbio diverso crea un nuovo 'topic' con il pulsante 'Fai una nuova domanda'.

Registrati per poter usare il forum di lagrammaticaitaliana.it. Prova, è gratis!

Lascia, per primo, un commento o domanda per la lezione di grammatica di inglese...





lagrammaticaitaliana.it fa parte di progettospartaco.it Questo progetto vorrebbe ambiziosamente librarare la cultura e trasformare i vecchi contenuti stampati in nuovo materiale fruibile in modo "2.0". Progettospartaco.it raccoglie metaforicamente sotto il suo ombrello tutti quei siti che sposano il suo pensiero: "cultura libera per tutti"


0 0 0