Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. È possibile approfondire come usiamo i Cookie sulla nostra pagina dedicata (la pagina è ospitata su progettospartaco.it) e su come disinibire l'utilizzo dei cookie attraverso il browser.Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

il verbo

Il verbo è quella parte del discorso che esprime un'azione. Si chiamano TRANSITIVI i verbi la cui azione passa direttamente dal soggetto nel complemento oggetto; e INTRANSITIVI i verbi la cui azione È invece compiuta in sé. I verbi transitivi hanno tre forme: ATTIVA, PASSIVA e RIFLESSIVA. Una proposizione attiva diventa passiva facendo soggetto il complemento oggetto, complemento d'agente il soggetto, e cambiando la forma del verbo da attiva in passiva. La forma riflessiva si ottiene aggiungendo alla forma attiva le particelle “ mi, ti, ci, vi, si. Bisogna distinguere la forma riflessiva da altre forme che si somigliano, quali la forma reciproca e la forma pronominale. La coniugazione del verbo è complessa, in quanto bisogna distinguere con una diversa desinenza il numero, la persona, e qualche volta anche il genere, e sempre, inoltre, i tempi e i modi. La desinenza dei verbo cambiano anche secondo le coniugazioni, che sono tre: la prima are, la seconda ere, la terza in ire. Per formare i tempi composti, il verbo ha bisogno di un ausiliare in italiano sono essere e avere. L'ausiliare essere si usa anche per formare le voci passive del verbo.

Spiegazione grammaticale

Il verbo

 

il verbo

 

 

Il termine verbo deriva da una parola latina, verbum, che vuol dire parola.  Anche l'aggettivo, l' articolo, il nome e il pronome sono parole; ma se i grammatici hanno riservato questa qualifica soltanto per il verbo, vuol dire che deve essere

la parola delle parole, la parola per eccellenza, quella senza la quale non ci può far capire.

Il verbo è la parte del discorso che esprime un'azione ( o stato). L'azione presuppone necessariamente un soggetto che la compia. Come concepire per esempio l'azione del correre senza immaginare contemporaneamente qualcuno o qualcosa che corre ?

Diremo perciò il cane corre, un'auto corre.

Soltanto così, abbiamo compiuto il significato del verbo.

 

I verbi si dividono generalmente in due grandi categorie:

 

  • verbi di azione o dinamici indicano un'azione compiuta o subita ( correre, parlare, ascoltare, essere visto, fare ecc. ).

 

  • verbi di stato o statici indicano uno stato, un modo di essere ( essere, sembrare ).


 

Le informazioni date dal verbo sono varie e, possono riguardare:

 

  • un'azione compiuta dal soggetto:    * Luca parcheggia il motorino.

 

  • Un'azione subita dal soggetto:          * Luca ha subito un furto. Luca è stato licenziato.

 

  • Uno stato del soggetto:                      * Luca sta spesso in casa;

 

  • un modo di essere del soggetto:      * Luca è timido.

 

  • L'esistenza del soggetto:                    * C'è Luca.

 

♦ Nelle frasi degli esempi, le parole parcheggia, è stato licenziato, ha subito, sta, ed è sono verbi e ciascuno di essi dice qualcosa riguardo al soggetto della frase in cui si trova.

Così nella prima frase, il verbo parcheggia esprime un'azione compiuta dal soggetto Luca; nella seconda e nella terza frase, i verbi è stato licenziato e ha subito indicano azioni subite dal soggetto; nella quarta frase il verbo sta indica uno stato o una situazione del soggetto, nella quinta frase il verbo è, insieme all'aggettivo triste, indica un modo di essere del soggetto e infine, nell'ultima frase, il verbo è esprime la semplice esistenza del soggetto.


 

Il verbo, ha nella frase, la funzione di predicato, cioè rappresenta l'elemento della frase o meglio, del sintagma o gruppo verbale, che “ predica “ qualcosa del soggetto, informando circa cosa fa, cosa è o come è il soggetto. È per questa

funzione il verbo, è il centro sintattico della frase e intorno ad esso si collocano tutti gli elementi che compongono la frase. Infatti, solo la presenza del verbo consente ad un gruppo di esprimere un senso compiuto e di costruire una frase.

Perciò una frase contiene sempre un verbo sia espresso che sottinteso

In alcuni linguaggi, come nella pubblicità, nei titoli dei giornali si possono trovare anche frasi senza verbo, che in grammatica si chiamano frasi nominali.

 

Il verbo trasmette moltissime informazioni tramite il significato ma anche tramite la sua forma:

 

   Risultati immagini per rete di collegamento illustrazione


 

Numero : la forma del verbo ci permette di capire se il soggetto è singolare o plurale: Arriv-a di corsa. Arrivan-no di corsa.

Genere: talvolta la forma del verbo ci dice se il soggetto è maschile o femminile: È stimat-a molto. Sono partit-e ieri. È promoss-o Gli altri sono sono rimandat-i.

Nel caso in cui abbiano due soggetti di genere differente, il maschile prevale sul femminile:

Mario e Maria sono andat-i

Persona: il verbo ci dice se il soggetto è chi parla ( 1° persona ), colui che parla ( 2° persona ) o qualcuno diverso da entrambi ( 3° persona ). La prima coincide con l'emittente, la seconda con il destinatario, la terza con chi o ciò di cui si

parla nel messaggio.


 

PERSONA

SINGOLARE

PLURALE

Disturbo?

Disturbiamo?

Si, disturbi !

Si, disturbate !

chi disturba?

chi sono quelli che disturbano?


 

Un'altra funzione del verbo nella frase è quella di collocare nel tempo l'informazione che esso dà riguardo al soggetto. Precisa infatti, se l'azione è avviene contemporaneamente a quando si parla, se è avvenuta prima di quando si parla o

se invece avverrà posteriormente a quando si parla, se l'azione è presentata come un fatto reale o come un fatto possibile o come supposto o come ordine.

 

 

Data l'impossibilità di classificare i verbi in base al significato e alla forma, distingueremo e analizzeremo i verbi secondo:

 

 

genere

transitivo

intransitivo

 forma

attiva

passiva

riflessiva

persona

prima colui che parla

seconda colui che ascolta

terza colui o coloro o ciò di cui si parla

numero

singolare

plurale

tempo

presente

passato

futuro

modo

finito

indefinito

funzione

ausiliare

predicativo

copulativo

d'appoggio

coniugazione

regolare

impersonale

difettiva

sovrabbondante

irregolare

 


 

 

 





Esercizi di italiano su il verbo




Forum

In questa parte del sito puoi chiedere alla community e ai nostri insegnanti dubbi e perplessità trovati affrontando solo questa pagina. Se hai un dubbio diverso crea un nuovo 'topic' con il pulsante 'Fai una nuova domanda'.

Registrati per poter usare il forum di lagrammaticaitaliana.it. Prova, è gratis!

Lascia, per primo, un commento o domanda per la lezione di grammatica di inglese...





lagrammaticaitaliana.it fa parte di progettospartaco.it Questo progetto vorrebbe ambiziosamente librarare la cultura e trasformare i vecchi contenuti stampati in nuovo materiale fruibile in modo "2.0". Progettospartaco.it raccoglie metaforicamente sotto il suo ombrello tutti quei siti che sposano il suo pensiero: "cultura libera per tutti"


0 0 0