Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. È possibile approfondire come usiamo i Cookie sulla nostra pagina dedicata (la pagina è ospitata su progettospartaco.it) e su come disinibire l'utilizzo dei cookie attraverso il browser.Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Persona e numero

La persona indica se il soggetto è chi parla, chi ascolta o qualcun altro; ci sono tre persone.

Il numero indica se il soggetto è plurale o singolare.

  • Nei modi finiti del verbo, la desinenza indica la persona e il numero del soggetto.

Es.: mangiavano delle mele, la desinenza del verbo (-avano) basta a far capire che il soggetto ( sottinteso) è alla terza persona plurale.

  • L’infinito e il gerundio non presentano variazioni di persona o di numero →parlare, parlando, e concordano con ogni persona e numero.

  • Il participio passato varia di persone e di numero →cantato, cantata, cantanti,cantate.


Spiegazione grammaticale

Persona e numero

                                                   

Il verbo modifica le sue desinenze secondo la persona e il numero, per individuare, accordandosi con esso, il soggetto, cioè l’essere o la cosa che compie o subisce l’azione o cui si riferisce la situazione espressa dal verbo.

Per il numero, il verbo, a seconda che il soggetto sia singolare o plurale può essere:

  • di numero singolare
  • di numero plurale.

Per la persona, il verbo, sempre in rapporto al soggetto ha tre persone, ciascuna delle quali può essere singolare o plurale e può essere:

  • di prima persona →quando il soggetto è l’emittente del messaggio:

io 1ª pers. sing

noi 1ª pers. plur

  • di seconda persona → quando il soggetto è il destinatario

tu 2ª pers. sing.

voi 2ª pers. plur.

  • di terza  persona → quando il soggetto è ciò di cui si parla:

egli, esso, essa 3ª pers. sing.

(il serpente; Paolo, il giornale)

essi, esse 3ª pers. plur.

(Paolo e Giulio; i serpenti; i giornali)

                                                                           

Nei suoi diversi tempi e modi, il verbo presenta normalmente sei diverse desinenze che corrispondono alle sei persone ( tre singolari e tre plurali) che possono avere funzioni di soggetto:

 

NUMERO

PERSONA

RADICE

DESINENZA

SINGOLARE

 

 

 

 

PLURALE

1ª io

2ª tu

3ª egli

 

 

1ª noi

2ª voi

3ª essi

cant-

cant -

cant -

 

 

cant -

cant -

cant -

-o

-i

-a

 

 

-iamo

-ate

-cantano


 

Le forme verbali canto, cantai,… sono formate dalla radice cant-, uguale per tutte le persone, che contiene il significato del verbo, e da una serie di desinenze ( -o, -i, - ate) che informano circa il numero e la persona del soggetto, indicando se è singolare o plurale e se è una prima, una seconda o terza persona.

Quando la voce verbale è una voce composta dal verbo essere e il participio passato, indica anche il genere, perciò segnala anche il soggetto è maschile o femminile:

Giulio è partito.

Lucia è partita

noi siamo partiti.

voi siete partite.





Esercizi di italiano su i verbi: persona e numero




Forum

In questa parte del sito puoi chiedere alla community e ai nostri insegnanti dubbi e perplessità trovati affrontando solo questa pagina. Se hai un dubbio diverso crea un nuovo 'topic' con il pulsante 'Fai una nuova domanda'.

Registrati per poter usare il forum di lagrammaticaitaliana.it. Prova, è gratis!

Lascia, per primo, un commento o domanda per la lezione di grammatica di inglese...





lagrammaticaitaliana.it fa parte di progettospartaco.it Questo progetto vorrebbe ambiziosamente librarare la cultura e trasformare i vecchi contenuti stampati in nuovo materiale fruibile in modo "2.0". Progettospartaco.it raccoglie metaforicamente sotto il suo ombrello tutti quei siti che sposano il suo pensiero: "cultura libera per tutti"


0 0 0