Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. È possibile approfondire come usiamo i Cookie sulla nostra pagina dedicata (la pagina è ospitata su progettospartaco.it) e su come disinibire l'utilizzo dei cookie attraverso il browser.Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

La forma pronominale.

I verbi riflessivi pronominali sono quei verbi che hanno coniugazione uguale a quella di un verbo riflessivo, mentre in realtà il loro valore è di tipo intransitivo.


Spiegazione grammaticale

La forma pronominale

 

 

 

La forma pronominale è una forma attiva ed è così chiamata perché in essa il verbo è costantemente accompagnato dalle particelle pronominali mi,ti,ci,vi,si, le stesse della forma riflessiva.

La forma pronominale,però, della forma riflessiva ha soltanto l’aspetto esteriore, perché le particelle pronominali che accompagnano il verbo non hanno alcun valore riflessivo e il verbo di forma pronominale ha il medesimo valore e la medesima funzione di un verbo intransitivo:

Paolo si pente di quello che ha detto.

Nella frase “ Paolo si pente di quello che ha detto”, il verbo è accompagnato dalla particella pronominale si e si presenta, all’apparenza, come un verbo di forma riflessiva. In realtà  in si pente, il pronome personale atono si non ha valore di pronome riflessivo, perché non ha le funzioni né di complemento oggetto né di complemento di termine e la frase Paolo si pente non corrisponde né a Paolo pente se stesso, né a Paolo pente a se stesso, frasi che non esistono nella lingua italiana.

  Le particelle pronominali che accompagnano i verbi come pentirsi, accorgersi,vergognarsi, non servono a formare la forma riflessiva, ma fanno parte del verbo stesso. Sono incorporate in esso.

Nella lingua italiana non esistono i verbi pentire, accorgere,vergognare, ma i verbi pentirsi, accorgersi, vergognarsi, i quali sono intransitivi e alla prima persona singolare dell’indicativo presente fanno, appunto: mi accorgo, mi pento, mi vergogno.

  Sono considerati verbi intransitivi pronominali quei verbi con pronomi atoni privi però di valore riflessivo. Rientrano in questa categoria:

a) i verbi intransitivi pronominali in senso stretto, dove l’uso del pronome atono è obbligatorio.

Tra questi verbi ci sono: pentirsi, vergognarsi, lamentarsi, accorgersi, arrendersi, imbattersi, ribellarsi,

si tratta di verbi che indicano avvenimenti o azioni che si realizzano in modo autonomo, all’interno di un individuo e la presenza del pronome personale è dovuta al fatto che l’avvenimento o l’azione che esprimono possono essere riferite solo al soggetto. Per distinguerli dai verbi riflessivi, basta togliere la loro particella pronominale: se la voce che ne risulta non è compresa nel lessico italiano arrendere? ,accorgere? , il verbo è certamente un verbo intransitivo pronominale.

 

Paolo si vergognò per aver detto il falso.

 

b) i verbi intransitivi in cui l’uso del pronome atono non è obbligatorio, che possono cioè essere sia intransitivi che intransitivi pronominali.Però la presenza del pronome atono determina spesso una diversa sfumatura di significato e una diversa costruzione della frase:

 

La tempesta infuria nella notte.

Alberto si infuria per un non nulla.

 

c) verbi transitivi, come svegliare, allontanare, abbattere, dimenticare, decidere, fermare, eccitare, rallegrare, rattristare, muovere, offendere, ricordare, annoiare, i quali usati con la particella pronominale acquistano valore intransitivo:

svegliarsi, annoiarsi, allontanarsi, dimenticarsi.

Perciò,il verbo annoiare può essere usato come transitivo, con un complemento oggetto:

La tua poesia ha annoiato tutti i presenti.

Me se si premette al verbo il pronome personale, il verbo diventa intransitivo pronominale : "Io mi annoio", dove mi annoio non significa “io annoio me stesso” ma “sono preso dalla noia”.

 

Non svegliare il cane.
transitivo

 

È pauroso svegliarsi di colpo nella notte.
intransitivo

 

 

 





Esercizi di italiano su verbi riflessivi pronominali




Forum

In questa parte del sito puoi chiedere alla community e ai nostri insegnanti dubbi e perplessità trovati affrontando solo questa pagina. Se hai un dubbio diverso crea un nuovo 'topic' con il pulsante 'Fai una nuova domanda'.

Registrati per poter usare il forum di lagrammaticaitaliana.it. Prova, è gratis!

Lascia, per primo, un commento o domanda per la lezione di grammatica di inglese...





lagrammaticaitaliana.it fa parte di progettospartaco.it Questo progetto vorrebbe ambiziosamente librarare la cultura e trasformare i vecchi contenuti stampati in nuovo materiale fruibile in modo "2.0". Progettospartaco.it raccoglie metaforicamente sotto il suo ombrello tutti quei siti che sposano il suo pensiero: "cultura libera per tutti"


0 0 0