Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. È possibile approfondire come usiamo i Cookie sulla nostra pagina dedicata (la pagina è ospitata su progettospartaco.it) e su come disinibire l'utilizzo dei cookie attraverso il browser.Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Verbi ausiliari

I verbi essere e avere sono verbi ausiliari per eccellenza in quanto permettono di formare i tempi composti di tutti gli altri verbi.

I tempi composti di un verbo si formano premettendo al suo participio passato le diverse voci del verbo essere o avere.


Spiegazione grammaticale

Ausiliari propriamente detti: essere e avere.

 

 

I verbi ausiliari svolgono la funzione di "aiutare" gli altri verbi a formare i tempi composti, o a passare dalla forma attiva a quella passiva.

La costruzione della forma passiva è semplice: vuole sempre l'ausiliare essere.

io sono amato, io fui amato, io sarò amato,

e altrettanto si può dire della costruzione dei tempi composti dei verbi transitivi nella forma attiva, che richiedono sempre l'ausiliare avere:

io ho amato, io ebbi amato, io avrò amato, e così via;

dubbi di costruzione possono sorgere quando si tratta di scegliere l'ausiliare per formare i tempi composti dei verbi intransitivi nella forma attiva (i verbi intransitivi non hanno forma passiva).

 

  • Un gruppo di verbi intransitivi che possono costruire le forme composte indifferentemente con l'ausiliare essere o avere sono i verbi impersonali indicanti fenomeni atmosferici:

 

Oggi è piovuto a dirotto.

Aveva nevicato molto quando arrivarono i soccorsi.

Questa mattina è nevicato.

 

  • con i verbi di moto vogliono l'ausiliare:

 

essere

avere

andare

camminare

venire

passeggiare

uscire

viaggiare

partire

vagare

penetrare

 


 

  • possono costruirsi con entrambi gli ausiliari:

correre,saltare,scendere, volare, salire però con differenze di significato:

Sono corsa subito da te.

Ho corso la maratona.

 

Sono scesi dal treno proprio adesso.

Ho sceso le scale con difficoltà.

 

Il pappagallo è volato sull'albero più alto del giardino.

Abbiamo volato da Roma a Firenze in venti minuti.

 

  • Si costruiscono sempre con l'ausiliare avere i verbi che indicano azione volontaria o istintiva del soggetto:

 

dormire - parlare - abitare -ridere – piangere.

 

Si costruiscono sempre con essere:

 

nascere- diventare – spuntare - morire - apparire – invecchiare.

 

  Sia essere che avere hanno anche una funzione predicativa, ossia hanno un loro significato e possono essere usati da soli nei diversi modi e tempi, come tutti gli altri verbi.

Il verbo essere, quando ha funzione predicativa, significa stare, esistere, trovarsi, è intransitivo e richiede sempre l’ausiliare essere.

Non credo ci sia una persona più antipatica di lui.

Dove sei stato?

Il verbo avere  usato in funzione predicativa, significa possedere, ottenere, tenere, è transitivo e richiede l’ausiliare avere:

Maria ha un bel gatto rosso.

Avete sempre avuto tutto da me.

Il verbo essere può essere usato come copula ( = congiunzione) tra il soggetto e il predicato formando il predicato nominale:

Il mare è calmo.

Anna è molto gentile.

La mela è un frutto.

 

 

 





Esercizi di italiano su verbi ausiliari essere ed avere




Forum

In questa parte del sito puoi chiedere alla community e ai nostri insegnanti dubbi e perplessità trovati affrontando solo questa pagina. Se hai un dubbio diverso crea un nuovo 'topic' con il pulsante 'Fai una nuova domanda'.

Registrati per poter usare il forum di lagrammaticaitaliana.it. Prova, è gratis!

Lascia, per primo, un commento o domanda per la lezione di grammatica di inglese...





lagrammaticaitaliana.it fa parte di progettospartaco.it Questo progetto vorrebbe ambiziosamente librarare la cultura e trasformare i vecchi contenuti stampati in nuovo materiale fruibile in modo "2.0". Progettospartaco.it raccoglie metaforicamente sotto il suo ombrello tutti quei siti che sposano il suo pensiero: "cultura libera per tutti"


0 0 0