Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. È possibile approfondire come usiamo i Cookie sulla nostra pagina dedicata (la pagina è ospitata su progettospartaco.it) e su come disinibire l'utilizzo dei cookie attraverso il browser.Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Il modo  congiuntivo e i suoi tempi

Il modo congiuntivo  presenta l'azione come possibile e desiderabile, ma non ancora certa; si chiama congiuntivo perché l'azione, dipendendo da un'altra azione, è unita a questa mediante una congiunzione:

 Vorrei  che tu leggessi  questo libro;

Il congiuntivo ha  quattro tempi: presente, imperfetto, passato e trapassato.


Spiegazione grammaticale

ll modo congiuntivo e i suoi tempi

 

Risultati immagini per illustrazioni Craig Frazier

 

Solo il modo indicativo possiede una ampia varietà di tempi verbali.

Il congiuntivo ha solo quattro tempi: un tempo presente e tre tempi passati.

- presente (che io ami ),

- imperfetto (che tu amassi ),

- passato ( che voi abbiate amato )

- trapassato (che tu avessi amato )

Presente: esprime un desiderio, un dubbio ritenuti realizzabili nel presente o nel futuro:

Non pensi che quel cavallo possa vincere?

Credi (che) sia la corsa giusta?


  Si usa come imperativo alla prima persona plurale e alla terza persona singolare:

Entrino i fantini!

Entrino prima coloro che hanno già il biglietto.

Si fermi qui.

Si accomodi, signora.

  Il congiuntivo non ha il tempo futuro, si usa il congiuntivo presente e, quindi oltre alla contemporaneità indica la posteriorità dell’azione:

spero che tu stia bene ( adesso contemporaneità) e spero che tu venga presto (domani in futuro: posteriorità)

 

Imperfetto: indica un desiderio, un dubbio ecc. in relazione ad un fatto passato:

Credevi che il cavallo perdesse?

Oppure è usato dopo un condizionale:

Preferirei che te ne andassi.

 

Passato : esprime un desiderio, un dubbio ecc. passati, in relazione con un fatto presente:

Dubitiamo che il popolo abbia capito.

Luca crederà che tu non abbia voluto parlargli.

Credo che il cellulare sia rimasto sul treno.


Trapassato: indica un desiderio, un dubbio, ecc. passati, in relazione con un fatto passato:

Speravano che mi avessero rapito gli alieni.

Credevo che tu avessi già prenotato.





Esercizi di italiano su congiuntivo e i suoi tempi




Forum

In questa parte del sito puoi chiedere alla community e ai nostri insegnanti dubbi e perplessità trovati affrontando solo questa pagina. Se hai un dubbio diverso crea un nuovo 'topic' con il pulsante 'Fai una nuova domanda'.

Registrati per poter usare il forum di lagrammaticaitaliana.it. Prova, è gratis!

Lascia, per primo, un commento o domanda per la lezione di grammatica di inglese...





lagrammaticaitaliana.it fa parte di progettospartaco.it Questo progetto vorrebbe ambiziosamente librarare la cultura e trasformare i vecchi contenuti stampati in nuovo materiale fruibile in modo "2.0". Progettospartaco.it raccoglie metaforicamente sotto il suo ombrello tutti quei siti che sposano il suo pensiero: "cultura libera per tutti"


0 0 0