Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. È possibile approfondire come usiamo i Cookie sulla nostra pagina dedicata (la pagina è ospitata su progettospartaco.it) e su come disinibire l'utilizzo dei cookie attraverso il browser.Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

La formazione del plurale.

Il numero è la categoria grammaticale che distingue il singolare, cioè un solo essere animato, una sola cosa dal plurale, che indica una molteplicità di esseri animati o cose.

La distinzione tra singolare e plurale si attua generalmente cambiando la desinenza (nomi mobili). Esistono però nomi che hanno la stessa forma al singolare che al plurale (nomi invariabili), nomi che hanno un solo numero (nomi difettivi) e nomi con più forme di plurale (nomi sovrabbondanti)


Spiegazione grammaticale

 Formazione del plurale

          

 

L'italiano ha  due possibilità per indicare il numero del nome: il singolare e il plurale, che indicano il primo un singolo essere animato o inanimato o una singola classe, il secondo una pluralità.

I nomi mobili nella formazione del plurale si comportano così:

Plurali di nomi ( e aggettivi)

A ) nomi in -co e in -go.

a) hanno il plurale in – chi e in -ghi, cioè con la consonante velare (unità fonologia ), i seguenti nomi:

apologo, carico, catalogo, dialogo, epilogo, impiego, monologo, strascico ecc;

b) hanno il plurale in -ci e in -gi, cioè con la consonante palatale i seguenti nomi:

amico, asparago, biologo, chimico, geologo, monaco, teologo, porco, portico ecc.


B) Nomi in – ca e in -ga. Hanno il plurale in -chi e in -ghi se maschili:

patriarca / patriarchi, transfuga / transfughi

                  e in -che e in -ghe se femminini:

amica / amiche, droga / droghe, formica / formiche

(fa eccezione belga ( maschile) la cui forma plurale è belgi).

C) Nomi in -io. Quando la i è accentata il plurale è in ii:

addio / addii, pendio / pendii, zio / zii .

quando la i non è accentata il plurale è di solito in -i :

armadio / armadi, studio / studi.

D) Nomi in – cia e in – gia. Quando l'accento cade sulla i essa si mantiene al plurale:

farmacia / farmacie, regia / regie.

 

Quando la i non è accentata vale di solito la seguente regola: la i cade se davanti a – cia e - gia c'è una consonate:

provincia/  province, spiaggia/ spiagge

la  i  resta negli altri casi:

camicia / camicie, valigia / valigie.

 

 





Esercizi di italiano su il nome numero




Forum

In questa parte del sito puoi chiedere alla community e ai nostri insegnanti dubbi e perplessità trovati affrontando solo questa pagina. Se hai un dubbio diverso crea un nuovo 'topic' con il pulsante 'Fai una nuova domanda'.

Registrati per poter usare il forum di lagrammaticaitaliana.it. Prova, è gratis!

Lascia, per primo, un commento o domanda per la lezione di grammatica di inglese...





lagrammaticaitaliana.it fa parte di progettospartaco.it Questo progetto vorrebbe ambiziosamente librarare la cultura e trasformare i vecchi contenuti stampati in nuovo materiale fruibile in modo "2.0". Progettospartaco.it raccoglie metaforicamente sotto il suo ombrello tutti quei siti che sposano il suo pensiero: "cultura libera per tutti"


0 0 0