Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. È possibile approfondire come usiamo i Cookie sulla nostra pagina dedicata (la pagina è ospitata su progettospartaco.it) e su come disinibire l'utilizzo dei cookie attraverso il browser.Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Genere e numero dell' aggettivo qualificativo.

Negli aggettivi qualificativi la desinenza del maschile singolare e il modo in cui si formano il numero plurale e il genere femminile permette di distinguere due classi.

 


Spiegazione grammaticale

Genere e numero dell'aggettivo qualificativo

 

Risultati immagini per being different

 

 

Per quanto riguarda il genere e il numero gli aggettivi qualificativi si comportano in maniera analoga ai nomi. Così si possono distinguere due classi di aggettivi qualificativi:

alla  Iª  classe appartengono :

gli aggettivi terminanti in "o"  (maschili)  che formano il plurale in " i " ,

gli aggettivi terminanti in " a " (femminili) che formano il plurale in "e ".

buono  =  maschile singolare,

buon  =  maschile plurale,

buona  =   femminile singolare,

buone  =   femminile plurale.

alla IIª  classe appartengono:

aggettivi terminanti in " e"  (sia maschile che femminile) che formano il plurale in “i”.

uomo  pugliese (maschile singolare), uomini  pugliesi (maschile plurale),

donna  pugliese (femminile singolare), donne pugliesi (femminile plurale).

  • Aggettivi maschili di prima classe terminanti in  -co:

→ gli aggettivi maschili terminanti in -co formano il plurale  in -chi  se sono piani;

( sono piane le parole  che hanno l'accento sulla penultima sillaba);

→ in ci se sono sdruccioli;(sono  sdrucciole quelle parole che hanno l'accento sulla terzultima sillaba).

caduco al plurale caduchi;

secco al plurale secchi;

ciclopico al plurale ciclopici;

pratico al plurale pratici.

Ma, come per i sostantivi, ci sono molti casi particolari:

amico al plurale  → amici; nemico al plurale → nemici; greco al plurale → greci,

al contrario, gli aggettivi sdruccioli terminanti in  -co formano il plurale in  -ci, ma anche in questo caso ci sono molte eccezioni:

carico al plurale carichi;

intrinseco al plurale intrinsechi.

 

Aggettivi femminili di prima classe terminanti in  -ca :

Gli aggettivi femminili terminanti in  -ca formano tutti il plurale in  -che.

ricca al plurale ricche;

stanca al plurale stanche.

Aggettivi femminili di prima classe terminanti in -cia e -gia.

Gli aggettivi femminili terminanti al singolare in  -cia o -gia con la  -i accentata (tonica) formano il plurale in  -cie o  -gie:

sudicia al plurale sudicie;

fradicia al plurale fradicie;

malvagia al plurale malvagie.

Aggettivi di prima classe terminanti in  -go  e  -ga.

Gli aggettivi maschili terminanti in - go ed i femminili terminanti in -ga formano il plurale rispettivamente in ghi e ghe:

largo al plurale larghi;

larga al plurale larghe.

Aggettivi maschili di prima classe terminanti in -io:

Gli aggettivi terminanti al singolare in -io, con la " i "accentata (tonica) formano il plurale in ii .:

natio al plurale natii;

stantio al plurale stantii.

Gli aggettivi terminanti al singolare in -io, con la “i” non accentata (atona) formano il plurale in “i”.

empio al plurale empi;

proprio al plurale propri;

vario al plurale vari.

Aggettivi composti

Gli aggettivi composti mutano la desinenza del secondo aggettivo:

sacrosanto al plurale sacrosanti,

sordomuta al plurale sordomute,

italo-venezuelano al plurale italo-venezuelani.

Aggettivi invariabili

Numerosi aggettivi hanno un'unica forma per i due generi e i due numeri, e sono chiamati perciò  invariabili.

  • l'aggettivo pari e i suoi derivati impari e dispari:

numero pari  →numeri pari,  cifra pari → cifre pari;

  • gli aggettivi dappoco, dabbene, perbene:Es:

uomo dabbene donna dabbene;   uomini dabbene - donne babbene;

  • gli aggettivi indicanti colore che derivano da sostantivi:

abito viola /  abiti viola /  giacca viola /  giacche viola;

  • acluni aggettivi di recente formazione compasti da  - anti e un sostantivo:Es:

fari antinebbia, sistemi antifurto.

Aggettivi bello, santo, grande e buono hanno diverse forme di singolare, a seconda della lettera iniziale del sostantivo che precedono.

Gli aggettivi bello, grande, santo e buono davanti a nomi che iniziano per consonante si troncano:

bell’amico; grand’animo; sant’Ambrogio.

L’aggettivo bello quando è posto dopo il nome, al singolare ha sempre la forma bello, al plurale belli:Es.: 

il bel bambino, il bambino bello, i bambini belli.

L’aggettivo buono si tronca davanti a nomi che iniziano per consonante, ma rimane buono quando è posto dopo il nome.Es.:

un buon bambino; un bambino buono.

 

 

 





Esercizi di italiano su genere e numero




Forum

In questa parte del sito puoi chiedere alla community e ai nostri insegnanti dubbi e perplessità trovati affrontando solo questa pagina. Se hai un dubbio diverso crea un nuovo 'topic' con il pulsante 'Fai una nuova domanda'.

Registrati per poter usare il forum di lagrammaticaitaliana.it. Prova, è gratis!

Lascia, per primo, un commento o domanda per la lezione di grammatica di inglese...





lagrammaticaitaliana.it fa parte di progettospartaco.it Questo progetto vorrebbe ambiziosamente librarare la cultura e trasformare i vecchi contenuti stampati in nuovo materiale fruibile in modo "2.0". Progettospartaco.it raccoglie metaforicamente sotto il suo ombrello tutti quei siti che sposano il suo pensiero: "cultura libera per tutti"


0 0 0