🎉 Hooray! Sono disponibili lezioni di italiano a solo 10 €/h! Scopri di più»

 0 Points 


il predicato

Il termine predicato deriva da una parola latina praedicatum, ciò che viene predicato, ciò che viene detto” . Il predicato è la parte della frase che predica, cioè dice, afferma dichiara qualcosa a proposito del soggetto. Il predicato è sempre formato, senza possibilità di eccezioni da un verbo. Il verbo può essere solo o, quando non basta da sola ad esprimere un senso compiuto può essere accompagnato da uno o più parole che lo completano. Il predicato si può distinguere in due tipi: il predicato nominale, formato dal verbo essere o da un altro verbo che svolga la stessa funzione (verbo copulativo) e da una parte nominale. Il predicato verbale è formato da un qualsiasi verbo, attivo, passivo, o riflessivo, di senso in sé compiuto (verbi predicativi )



Mostra indice
Indice

Il predicato

il-predicato-verbale-sintassi-grammatica-italiana

Carlo e Giorgio sono coetanei

  Predicato, dal latino praedicatum, significa ciò che viene detto, quindi il predicato di una frase è  ciò  che viene detto attorno a qualcosa, ossia l’ elemento che fornisce informazioni, che predica delle notizie. E’ l’elemento più adatto a svolgere questa funzione, viste le molte informazioni che esso porta con sé . In una frase come :

Ogni volta la bambina piangeva.

La parola  piangeva   informa che la bambina piangeva e lo faceva in passato.

  • Il predicato è ciò che si afferma del soggetto e costituisce l’elemento principale della frase. Ci sono due tipi di predicato: il predicato nominale e il predicato verbale.

È predicato nominale, se consiste in un nome o in un aggettivo, che indica una qualità o una condizione del soggetto. In questo caso si unisce al soggetto per mezzo di una

voce del verbo “ essere”:

Il cielo è limpido

La vipera è velenosa

La lezione è stata noiosa

La gita in montagna sarà indimenticabile

La voce del verbo essere si dice copula ( “legame”, in quanto lega il soggetto al sostantivo o all’aggettivo), mentre il sostantivo o l’aggettivo unito ad essa si dice nome

del predicato, oppure parte nominale del predicato :

soggetto                     copula                       nome del predicato

Carlo                                è                                      intelligente.

La copula si accorda con il soggetto nella persona e nel numero. Per quanto riguarda la parte nominale si distinguono due casi :

1) quando la parte nominale e’ formata da un nome o un aggettivo di genere variabile, essa si accorda con il soggetto nel genere e nel numero:

Paolo è un professore. | Francesca è una professoressa.

Il pranzo era saporito. | La cena era saporita.

2) quando la parte nominale è formata da un nome di genere non variabile, esso si accorda con il soggetto solo nel numero:

Il tulipano è un fiore.| La rosa è un fiore.

Marco e Carlo sono nipoti di Angela.| Anna e Lisa sono nipoti di Angela.

É predicato  verbale ogni forma verbale ( attiva, passiva, riflessiva, ecc.) di senso determinato, qualunque esso sia:

Il treno fischia.   verbo attivo

Il treno è guidato. verbo passivo

Il treno si ferma.   verbo riflessivo

Il predicato verbale e’ formato da un verbo predicativo, che come sappiamo ( morfologia unita’ 17 ) e’ un verbo che ha un proprio senso compiuto e può essere usato da solo.

La luce tremava in lontananza.

Quando tornerai dal Messico?

ancora una bugia e non ti crederò mai più!

Sono esempi di frasi i cui predicati sono costituiti da verbi: tremare, tornare, dire, credere, cioè verbi in grado di predicare da soli. Se il predicato verbale e’ formato da una voce composta, il participio passato rimane di norma invariato se l’ ausiliare e’ avere, concorda con il soggetto nel genere e nel numero se l’ ausiliare e’ essere:

Paola ha letto. / I genitori hanno letto.

Paola è partita. / Le amiche sono partite.

I verbi servili  potere, dovere e volere e i verbi aspettuali (o fraseologici ) come: stare per, smettere di, cominciare a, costituiscono con il verbo da essi retto un’unica unita’ logico -sintattica; questa unita’ viene quindi analizzata come un solo predicato:

Il bambino (soggetto) vuole mangiare ( predicato verbale).

Mariolino (soggetto) smise di piangere ( predicato verbale).

Il verbo essere, oltre che avere valore di copula ed essere utilizzato come ausiliare, può anche comportarsi come un normale verbo predicativo, e quindi formare un predicato verbale, quando significa

esistere,stare, trovarsi, appartenere:

Tuo fratello è  (si trova ) in città.

In questo momento sono (mi trovo) all’estero.

La responsabilità è di entrambi ( appartiene ad entrambi ).

La frase nominale

sono frasi complete, nelle quali il predicato è sottinteso. Questo può verificarsi quando :

a) il predicato è ricavabile dal contesto, come ad esempio nelle risposte:

- Vai al parco o a casa? A casa (sottinteso vado)

b) nelle espressioni di saluto e negli ordini:

Buonasera (sottinteso ti auguro)

zitto (sottinteso stai )

c) nei titoli dei giornali

Gli italiani alle urne. (sottinteso vanno)

Ad ovest niente di nuovo (sottinteso non succede)

d) nella pubblicità

Gled Pot Pourri: il respiro naturale della tua casa ( sottinteso è)

L'uso frequente delle frasi nominali nel linguaggio giornalistico e in quello pubblicitario si spiega facilmente con il fatto che esso permette di essere brevi e immediati.

Sono frasi nominali anche quelli dei cartelli di avviso :

"Attenti al cane"       "Divieto di transito"       "Strada bagnata"

Prossima lezione


Esercizi su Il predicato






Forum
Altre materie
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. È possibile approfondire come usiamo i Cookie sulla nostra pagina dedicata e su come disinibire l'utilizzo dei cookie attraverso il browser.Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.